L’Italia si esalta durante le qualificazioni degli Europei 2021 di ginnastica artistica e festeggia due strepitose stoccate dei propri alfieri, impegnati nella seconda suddivisione del turno eliminatorio a Basilea (Svizzera). Salvatore Maresca, presentatosi da outsider agli anelli, ha letteralmente fatto saltare il banco nella sua disciplina prediletta, ha sfoderato un esercizio mirabolante al castello e ha stravolto tutte le gerarchie in una specialità molto statica, dove è difficile entrare nell’elite internazionale. Il 27enne campano è salito motivato in pedana, era concentratissimo e ha eseguito brillantemente la sua prova: i giudici lo hanno premiato con un roboante 14.933 (6.2 il D Score, 8.733 per l’esecuzione) e si è inserito in seconda posizione provvisoria.
Meglio dell’azzurro ha fatto solo il fuoriclasse greco Eleftherios Petrounias (15.366, 6.3 la nota di partenza per il Campione Olimpico). Alle spalle del nostro portacolori si sono dovuti accomodare il solido austriaco Vinzenz Hoeck (14.766) e soprattutto il turco Ibrahim Colak (14.733 per il Campione del Mondo). Marco Lodadio, argento iridato di specialità e qualificato alle Olimpiadi, starà seguendo la gara da casa, mentre è in recupero dall’operazione col mirino puntato sui Giochi. Salvatore Maresca ha sostanzialmente ipotecato la qualificazione alla Finale di Specialità (manca soltanto una suddivisione al termine del turno eliminatorio) e sabato si presenterà in gara per sognare qualcosa di grande.
Ginnastica artistica
Sunisa Lee aggredita con uno spray al peperoncino
12/11/2021 A 13:11
Carlo Macchini ha eseguito un esercizio praticamente perfetto alla sbarra. L’azzurro si è distinto sul suo attrezzo prediletto, ha eseguito dei salti da manuale e ha perfettamente stoppato l’uscita. Il marchigiano, già quarto agli Europei 2019, è però stato un po’ penalizzato dai giudici, che oggi sono un po’ di manica stretta: 14.066, con 6.1 di D Score. Il 24enne si era spinto fino a 14.900 (sempre con la stessa nota di partenza) durante la terza tappa di Serie A andata in scena dodici giorni fa a Napoli, oggi è stato valutato con uno score più basso. L’azzurro è comunque ottimo terzo nella classifica provvisoria di specialità e punta dritto alla finale: meglio di lui hanno fatto soltanto il tedesco Andreas Toba (14.433) e lo svizzero Pablo Braegger (14.100). Finale alla sbarra negata all’olandese Epke Zonderland, grande favorito della vigilia: il tre volte Campione del Mondo e d’Europa è già fuori dai migliori otto.
Niente da fare per Edoardo De Rosa, il quale si era presentato con grandi ambizioni al cavallo con maniglie dopo il 14.850 ottenuto in Serie A. Il 20enne lombardo, oro europeo nel 2018 tra gli juniores, non è stato impeccabile e si è fermato a 13.100 (6.3 l’elevatissimo D Score): al momento è 16mo e non disputerà la finale.
Lorenzo Minh Casali ha disputato un buon all-around ed è nono con 80.364 punti (13.866 al corpo libeo, 11.700 al cavallo, 13.500 agli anelli, 14.366 al volteggio, 14.466 alle parallele, 12.466 alla sbarra), appena dietro a Stefano Patron (80.698). Nicola Bartolini è sesto nell’all-around (82.157) ed è ottimo terzo al corpo libero (14.558) alle spalle del russo Kirill Prokopev (15.066) e del turco Adem Asil (14.600): il sardo punta alla finale. Sfuma invece il sogno di un pass olimpico per l’Italia, visto che Nicola è stato superato da Prokopev e Asil nell’all-around: ai Giochi andranno solo Marco Lodadio e Ludovico Edalli.
Ginnastica artistica
Altri quattro azzurri nella storia: sono nella World Class Gymnast
11/11/2021 A 10:54
Ginnastica artistica
Giorgia Villa rientra col 9° posto al Memorial Gander: vince Melnikova
04/11/2021 A 06:00