Ai più attenti non è certo passato inosservato l'atto di Ivan Kuliak, il ginnasta russo che a Doha è salito sul podio della prova alle parallele in un evento di Coppa del Mondo come terzo classifica, che ha sfoggiato sulla maglietta una 'zeta', simbolo utilizzato dai carri armati russi nell'invasione in Ucraina. Un gesto davvero azzardato, se considerato che al suo fianco c'era Illia Kovtun, vincitore della gara.
La Federazione internazionale di ginnastica ha dichiarato di aver aperto un procedimento disciplinare contro Kuliak per il suo "comportamento scioccante". Da oggi in ogni caso, gli atleti russi e bielorussi, inclusi i giudici, non potranno più partecipare alle gare internazionali a seguito del bando imposto ieri dalla federazione che parla di "misure volte a preservare l'integrità della ginnastica, la sicurezza di tutti gli atleti e di combattere ogni forma di violenza e di ingiustizia sportiva".
Ginnastica artistica
Jury Chechi, a 52 anni dà ancora spettacolo alla sbarra
11 ORE FA

Biles in lacrime in tribunale: "Nessuno ci ha aiutate, nemmeno l'FBI"

Ginnastica artistica
Kuliak sospeso per un anno: aveva gareggiato con la 'Z' sul petto
15 ORE FA
Ginnastica artistica
Trofeo Jesolo: Italia ko con Usa. Asia D’Amato a 32 millesimi dal colpaccio
09/04/2022 A 20:23