"Avrei dovuto abbandonare molto prima di Tokyo". Parla così, dalle pagine del New York Magazine di questa mattina, Simone Biles, icona della ginnastica mondiale, recente vittima di problemi di salute mentale l'hanno portata a rinunciare a diverse gare dei Giochi Olimpici di Tokyo 2020 quest'estate, crollando sotto la pressione.

La confessione

"Se si guarda a tutto ciò che ho passato negli ultimi sette anni, non avrei mai dovuto essere in un'altra squadra olimpica"
Ginnastica artistica
Infinita Vanessa Ferrari: "Parigi 2024? Se i tendini reggono..."
18/09/2021 A 09:37

Su Nassar

"Quando Nassar finiva sui media, era troppo. Ma non gli avrei permesso di prendere qualcosa per cui avevo lavorato da quando avevo 6 anni. Non gli avrei permesso di portarmi via quella gioia. Quindi ho spinto oltre ciò che potevo, per tutto il tempo che la mia mente e il mio corpo me lo permettevano".

Sui problemi di "twisties"

"Poniamo il caso che fino ai 30 anni uno veda perfettamente, poi una mattina ti svegli e non vedi niente. Ma la gente ti dice di continuare a fare il tuo lavoro come se avessi ancora la vista... Come dovrei continuare?".
"Probabilmente sarà qualcosa su cui lavorerò per 20 anni. Voglio solo che un dottore mi dica quando sarò guarita. Come quando subisci un'operazione e ti rimettono a posto. Perché nessuno può dirmi che tra sei mesi sara' finita?".
Al momento l’atleta è impegnata in un tour di esibizione in giro per gli USA, non si conoscono i suoi piani agonistici per il futuro (sicuramente non sarà ai Mondiali tra tre settimane, da valutare il percorso verso le Olimpiadi di Parigi 2024).

Biles in lacrime in tribunale: "Nessuno ci ha aiutate, nemmeno l'FBI"

Ginnastica artistica
Biles in lacrime in tribunale: "Nessuno ci ha aiutate, nemmeno l'FBI"
16/09/2021 A 16:18
Ginnastica artistica
Simone Biles contro l’FBI: "Caso Nasser? Incolpo il sistema"
15/09/2021 A 17:50