Il particolare Zurich Classic 2021 si è concluso con la vittoria degli australiani Cameron Smith e Marc Leishman. Il torneo è stati infatti disputato a coppie, con il formato quattro palle e quello a colpi alternati che si sono succeduti nell’arco delle quattro giornate di gara. 72 buche non sono però in questo caso state abbastanza, visto che i sudafricani Louis Oosthuizen e Charl Schwartzel hanno terminato la domenica pomeriggio appaiati agli avversari sopra citati a quota -20.

Partita interrotta allo Zurich Classic: c'è un coccodrillo

Un giro piuttosto controllato da parte di entrambi i team, forti della buona posizione di partenza e che li ha visti chiudere rispettivamente in -2 e -1 sotto al par del campo, rimandando così l’atto finale alla prima buca di playoff. Tornati per la seconda volta sul tee del par 5 della 18 però, quasi immediatamente il vantaggio è passato in modo chiaro nelle mani degli oceanici, dopo che il driver di Oosthuizen ha preso un brutto effetto slice che ha portato la palla in acqua. Intimorito, Smith ha chiuso il proprio colpo dalla parte opposta, nel bunker, ma il par finale è stato sufficiente per sigillare il successo, visto il bogey avversario. Nonostante non vengono assegnati punti, per le statistiche si tratta della terza vittoria in carriera per Smith, mentre il compagno Leishman raggiunge quota sei.
Tokyo 2020
-73 a Tokyo 2020: tutte le magie del golf con le Hole in One
13 ORE FA
Appena un colpo alle spalle delle due coppie di testa si cono classificati con il -19 gli americani Richy Werenski e Peter Uihlein. Nonostante un eccellente ultimo giro da 5 colpi sotto al par, le speranze di gloria si sono infrante al par 3 della diciassette, con grossa responsabilità di Uihlein. Il 31enne del Massachussetts ha infatti mancato il green col primo colpo e poi anche il par putt da 3 metri che avrebbe potuto rimediare al precedente errore, un colpo perso che nonostante il birdie della 18 è risultato determinante.
La classifica parla ancora completamente americano per quanto riguarda il quarto posto, visto che le tre coppie appaiate a quota -18 sono tutte formate da golfisti a stelle e strisce. Si tratta di Billy Horschel – Sam Burns (-3 di giornata), Brandt Snedeker – Keith Mitchell (-3) e Keegan Bradley – Brendan Steele (-2). Non riescono invece a proseguire la magia messa sul percorso ieri i due campioni uscenti Jon Rahm e Ryan Palmer, che con un -2 in questa domenica si devono accontentare del settimo posto finale a quota -17, ma possono essere in ogni caso soddisfatti di essersi confermati come coppia affidabile e competitiva. Chiudono la top-10, appaiati in ottava posizione a -16, Tyrrell Hatton – Danny Willett (-3), Tom Lewis e Thomas Pieters (E) e Bubba Watson – Scottie Scheffler (+1).

Zurich Classic di New Orleans, gli highlights del day 3

Wells Fargo Championship
Wells Fargo Championship: gli highlights del Day 4, vince Mc Ilroy
10/05/2021 A 04:38
Golf
McIlroy riemerge dalle tenebre e trionfa al Wells Fargo Championship
10/05/2021 A 04:37