Fernando Alonso ci riprova e non molla. Dopo lo sfortunato ritiro del 2017 e la non qualificazione dello scorso anno, lo spagnolo si rimbocca le maniche e lancia la propria sfida alla 500 Miglia di Indianapolis 2020. Il pilota asturiano vuole rompere il “tabù” della corsa più veloce del mondo e, contemporaneamente, proseguire la sua rincorsa alla Tripla Corona per impreziosire la sua già eccellente carrier..
Il suo obiettivo è chiaro ormai da anni, da quando ha lasciato una McLaren troppo brutta per essere vera. Alonso ha vinto la 24 ore di LeMans nel 2018 e nel 2019, ha vinto il Mondiale di Formula 1 in due occasioni e ora spera di mettere finalmente il suo sigillo a Indianapolis. Non sarà un’impresa facile, ma l’ex ferrarista ha le potenzialità per farcela. La sfida della corsa sull’ovale è quanto mai imprevedibile e le qualifiche lo hanno già dimostrato, con Alonso che si è piazzato solo in nona fila (pole andata a Marco Andretti).

Nel 2017 problemi al motore, nel 2019 la mancata qualificazione

Indycar
Fernando Alonso annuncia la sua presenza alla 500 Miglia di Indianapolis
25/02/2020 A 20:29
La gara sa sempre essere un vero e proprio terno al lotto. Nel 2017 il motore Honda lo abbandonò sul più bello, ma le vetture sono solamente una delle incognite nelle due ore e mezza di gara. Ci sono i sorpassi a quasi 400 kmh, le Caution, i pit stop da fare nel momento giusto e, in poche parole, la corsa più veloce e complicata del mondo. Vincerla ti pone di diritto nel Gotha del motorsport, figuriamoci per Alonso, che in quel modo potrebbe completare la sua Tripla Corona. Un risultato che molti hanno rincorso, ma solo un pilota è stato in grado di raggiungere.

Un solo nome: Graham Hill

Chi ci è riuscito? Questo riconoscimento è talmente esclusivo che, al momento, ha un solo rappresentante: il leggendario Graham Hill (padre di Damon campione del mondo in Formula Uno nel 1996) capace di aggiudicarsi il Mondiale di Formula Uno nel 1962 e nel 1968, la 500 Miglia di Indianapolis nel 1966 e la 24 Ore di Le Mans nel 1972. Un palmarès unico nel mondo dell’automobilismo che lo posiziona laddove nessuno è mai arrivato, ma dove Alonso ha puntato il mirino da molto tempo.

Alonso, schianto e testacoda spettacolare a Indianapolis: che brivido!

Nella storia, inoltre, sono stati appena 12 i piloti in grado di conquistare almeno due prove di questo trittico. Ecco l'elenco:
-500 Miglia di Indianapolis e Mondiale di F1: Jim Clark, Mario Andretti, Emerson Fittipaldi e Jacques Villeneuve (che chiuse secondo a Le Mans nel 2008, sfiorando la tripletta)
-500 Miglia di Indianapolis e 24 Ore di Le Mans: A.J. Foyt
-24 Ore di Le Mans e GP di Montecarlo: Tazio Nuvolari, Maurice Trintignant, Bruce McLaren
-24 Ore di Le Mans e Mondiale F1: Mike Hawthorn, Phil Hill. 500 Miglia e GP Montecarlo: Juan Pablo Montoya

Bentornato Alonso! Dai primi successi fino alla Dakar e 24h di LeMans, passando per il Rosso Ferrari

500 miglia di Indianapolis
Clamoroso, Alonso è fuori dalla 500 miglia di Indianapolis! Non ha superato le qualifiche
19/05/2019 A 21:13
500 miglia di Indianapolis
Clamoroso, Alonso è fuori dalla 500 miglia di Indianapolis! Non ha superato le qualifiche
19/05/2019 A 21:13