La seconda giornata dei Campionati Mondiali Junior di judo 2021 si è appena conclusa al Geopalace di Olbia con l’assegnazione di altri tre titoli iridati giovanili individuali. L’Italia, dopo lo splendido tris di medaglie tutte al femminile nel day-1, può sorridere anche oggi grazie al bronzo conquistato da Luigi Centracchio nella categoria fino a 73 kg.
Il 19enne molisano si è così riscattato dopo la cocente delusione per il quinto posto agli ultimi Europei, portando a casa la prima medaglia mondiale della carriera e regalando al settore maschile azzurro il primo podio della manifestazione. Il fratello di Maria (bronzo olimpico a Tokyo nei 63 kg), dopo aver rischiato di uscire già al primo turno con l’americano Dominic Rodriguez – rimontando un waza-ari di svantaggio – ha raggiunto la finale di Pool sconfiggendo per hansoku make il kirghiso Erzhan Kanatbekov.
Judo
Come si ottiene la cintura nera nel Judo? Il percorso
13/12/2021 A 10:34
Ai quarti Centracchio si è dovuto arrendere al grande favorito rumeno Adrian Sulca (futuro vincitore del torneo) per ippon, riuscendo poi a farsi strada nel tabellone di ripescaggio fino alla medaglia di bronzo con due vittorie per hansoku make sul brasiliano Gabriel Falcao (triplo shido) e sul temibile francese Joan-Benjamin Gaba (squalificato per una tecnica illegale), che in precedenza aveva sconfitto ai quarti l’azzurro Vincenzo Pelligra.
Il talentuoso siciliano classe 2003, bronzo europeo juniores in carica e protagonista di due ottime vittorie al Golden Score nei primi turni, ha poi perso anche l’opportunità di giocarsi la finalina cedendo il passo allo sloveno Jus Mecilosek per waza-ari ai ripescaggi. Niente da fare anche per la wild card azzurra Marco Battino, eliminato al debutto sempre nei 73 kg dallo sloveno Urh Klopcic.
Quinto posto amaro nei 57 kg per Veronica Toniolo, che conferma il piazzamento degli ultimi Europei di categoria e chiude così il suo 2021 senza medaglie di peso nei grandi appuntamenti della stagione juniores. La 18enne friulana, alla prima esperienza in un Mondiale Under 21 (dopo il titolo iridato cadetti vinto nel 2019), non è apparsa brillante in quel di Olbia ma ha comunque lottato strenuamente raggiungendo i quarti di finale dopo aver vinto due incontri complessi.
In finale di Pool l’azzurrina si è dovuta arrendere alla russa Natalia Elkina per hansoku make dopo oltre 4 minuti di Golden Score, riscattandosi poco più tardi ai ripescaggi con una bella vittoria per waza-ari sulla svizzera Olivia Gertsch. Nello spareggio per il bronzo Toniolo non è quasi mai riuscita a mettere in difficoltà l’emergente turca Ozlem Yildiz, che si è imposta alla lunga distanza per hansoku make al Golden Score.
Nella stessa categoria sono uscite di scena prima degli ottavi di finale le altre due judoka italiane in gara: Carlotta Avanzato ha perso al Golden Score con la spagnola Marta Garcia Martin dopo aver sconfitto all’esordio la keniana Teresiah Mugure, mentre la wild card Francesca Cara ha ceduto il passo alla georgiana Regina Utnelishvili.
Grande delusione nei 63 kg per Sara Lisciani, n.3 del ranking mondiale juniores e bronzo europeo in carica, eliminata al primo turno dalla rumena Florentina Ivanescu per waza-ari a causa di un’ingenuità durante il Golden Score. Out al debutto con tanti rimpianti anche Antonietta Palumbo, che ha gettato alle ortiche un waza-ari di vantaggio (fino a 22″ dalla fine dei regolamentari) facendosi rimontare dall’olandese Kamile Nalbat.
Di seguito il riepilogo dei podi della seconda giornata dei Mondiali Junior 2021 di judo:
-57 kg F
1 Galitskaia (Rus)
2 Primo (Isr)
3 Yildiz (Tur) e Mokdar (Fra)
-63 kg F
1 Van Lieshout (Ned)
2 Vazquez Fernandez (Esp)
3 Kristo (Cro) e Varga (Hun)
-73 kg M
1 Sulca (Rou)
2 Demirel (Tur)
3 Centracchio (Ita) e Pochop (Cze)
Foto: Fijlkam
Judo
L'olimpionica Pinot picchiata dall'ex ct: "Ho visto la morte"
01/12/2021 A 16:36
Judo
Lutto per Fabio Basile, morto a 31 anni il fratello Michael
23/11/2021 A 18:23