Casey Stoner esprime la propria opinione sull’attuale MotoGP, categoria in continuo sviluppo che è cambiata radicalmente rispetto a quanto accadeva qualche stagione fa. L’australiano paragona la classe regina del Motomondiale alla F1, una categoria troppo complessa dal punto di vista tecnico che negli ultimi anni ha visto lievitare i costi per i costruttori.
L’ex campione del mondo ha affermato alla stampa come riporta ‘Motorsport.com’: “Mi piacerebbe molto avere voce in capitolo nell’ambito del regolamento tecnico. Sarebbe un ruolo controverso, ma penso che ci siano elementi che non devono essere presenti. Non è una questione di sicurezza, stanno solo incrementando i costi e mandando tutto alle stelle”.
MotoGP
Riecco Marc Marquez: al via dei test di Sepang del 5-6 febbraio
IERI A 22:10
Il nativo di Southport, impegnato dopo l’esperienza in moto in alcune gare del Supercars Championship, ha continuato dicendo: “Credo che l’elettronica dovrebbe essere ridotta. Al momento non c’è stato quel passo indietro che tutti si aspettavano si facesse. Voglio vedere i piloti derapare, faticare con il grip in uscita di curva”.
Stoner ha chiuso affermando: “Tutto questo si può avere con un regolamento differente, non ci vorrebbe molto. Penso che i sorpassi sarebbero migliori di adesso, si potrebbe attaccare ovunque e non solo in frenata. Anche il setup della moto diventerebbe cruciale. Le gare diventerebbero uniche”.

Valentino Rossi, le 10 vittorie più belle della carriera

Gran Premio della Malesia
Come sta Marc Marquez? Positivo il test in moto a Portimao
17/01/2022 A 10:49
MotoGP
Ragazzo si risveglia da coma e rivela: "In sogno il Sic mi ha aiutato"
04/01/2022 A 11:45