Marc Marquez (Honda) ha chiuso al comando anche la terza sessione di prove libere del Gran Premio di Argentina 2019 di MotoGP dimostrandosi, per l’ennesima volta, l’uomo da battere in questo fine settimana sudamericano. Sul tracciato di Termas de Rio Hondo, nell’occasione odierna con un cielo decisamente nuvoloso ed a rischio di pioggia, il campione del mondo in carica ha confermato di avere un feeling perfetto con la propria moto, chiudendo con un eccellente 1:38.471 (dopo un 1:38.542) con doppia gomma soft, senza nemmeno aver dato l’impressione di aver spinto al 100%. Al secondo posto troviamo l’australiano Jack Miller (Ducati Pramac) a 206 millesimi dalla vetta, mentre al terzo ancora una volta un positivo Cal Crutchlow. Il britannico del team LCR Honda conferma come la moto giapponese si trovi bene sulla pista argentina, chiudendo a 255 millesimi dal compagno di marchio.
Quarta posizione per lo spagnolo Maverick Vinales (Yamaha) che si ferma a 357 millesimi da Marquez, ma conferma le buone sensazioni messe in mostra nella FP2 di ieri. Dal quinto all’ottavo posto, quindi, quattro italiani. Si apre con Danilo Petrucci (Ducati) in 1:38.869 a 398 millesimi dalla vetta, quindi sesto Franco Morbidelli (Yamaha SIC Petronas) in 1:38.962 a 511 millesimi, settimo Valentino Rossi (Yamaha) a 710, dopo un time attack nel quale non è riuscito a migliorare con gli ultimi due tentativi, quindi ottavo Andrea Dovizioso (Ducati) a 710, ma autore di una scivolata in curva 1 negli ultimi minuti che non gli ha permesso di migliorare il suo crono. Completano la top ten, e quindi eviteranno la Q1, Jorge Lorenzo (Honda) capace di superare il dolore e di fissare un buon 1:39.191 proprio in extremis a 719 millesimi dal compagno di box, mentre è decimo il francese Fabio Quartararo (Yamaha SIC Petronas) a 780.
GP Argentina
Rossi in Argentina ritrova podio e sorriso. Honda e Marquez sono tornati imbattibili?
01/04/2019 A 09:23
12esimo, invece, Francesco “Pecco” Bagnaia (Ducati Pramac) che non evita la Q1 per appena un decimo e chiude in 1:39.345, dando segnali importanti di miglioramento su una pista che non conosceva con la MotoGP. Solamente 19esimo, invece, Andrea Iannone (Aprilia) che smentisce le buone cose messe in mostra ieri nella FP2, con 1.183 di distacco dalla vetta e 4 decimi dalla top ten.
La MotoGP tornerà in scena alle ore 19.05 per la Q1, quindi alle ore 19.30 si inizierà a fare sul serio con la Q2 che andrà a comporre la griglia di partenza di domani. Marc Marquez è il grande favorito, ma le Yamaha, le Ducati e Cal Crutchlow, sono a caccia della sorpresa. Dalle 18.35, però, spazio alle prove libere 4.
GP Argentina
Il GP dell'Argentina in Diretta tv e Live-Streaming
28/03/2019 A 19:00
GP Argentina
Le pagelle: Marquez alieno, Rossi e Dovizioso promossi. Male Viñales e Iannone
31/03/2019 A 19:48