Giornata trionfale per gli asiatici nelle classi minori sul tracciato del Red Bull Ring: dopo la doppietta giapponese in Moto3 (Sasaki e Suzuki sui primi due gradini del podio), arriva un altro sorprendente uno-due da parte del Team Asia. Il "Kimi ga yo", inno nazionale giapponese, ritorna a suonare nel giro di un'ora al GP d'Austria con il doppio colpo di Ai Ogura in Moto2, che conquista la seconda vittoria stagionale e supera in classifica generale di un solo punto Augusto Fernandez (quinto), al quale viene arrestata una striscia di tre successi consecutivi in Moto2. Poteva esserci nella lotta per la vittoria Celestino Vietti, in grande crescita nel corso dei giri e attaccatissimo a Chantra (secondo al traguardo), ma l'italiano del team VR46 si stende e riceve l'ennesimo pesante zero in campionato, allontanandosi a -27 dalla vetta. Pensare che si trovava in vetta solitaria fino a qualche GP fa.
Un disastro totale per gli italiani, che escono con le ossa rotte dal tracciato austriaco: tutti fuori dalla zona punti e ben quattro ritiri. Alessandro Zaccone viene scaraventato dalla moto nei primi giri ed esce in barella (per fortuna nessuna grave conseguenza dai primi controlli al centro medico); poco dopo la caduta di Vietti si eliminano dalla gara pure Tony Arbolino e Lorenzo Dalla Porta: la Kalex di quest'ultimo si spegne all'uscita di curva 3, zona cieca del circuito per chi sopraggiunge, di conseguenza il connazionale non riesce ad evitarlo. Passano sotto la bandiera a scacchi soltanto Nicolò Antonelli, sedicesimo, e Simone Corsi, ventesimo.
Gran Premio d'Austria
Pagelle: Bagnaia e Quartararo da 10, Bastianini iellato, Marini ok
21/08/2022 ALLE 15:34
Jake Dixon invece si abbona al terzo gradino del podio (ripetendo i risultati di Assen e Silverstone), dimostrandosi ancora una volta esemplare nel corpo a corpo finale. I beffati del giorno sono i due piloti KTM, Pedro Acosta (comunque gran risultato al ritorno dall'infortunio) e un Augusto Fernandez di nuovo con i piedi per terra.

La classifica finale

La cronaca in 6 momenti chiave

- PARTENZA: scattano fortissimo Ogura e Lopez, lo spagnolo però supera il giapponese al secondo giro. Gruppo già scremato, con Chantra terzo a mezzo secondo di ritardo dalla coppia davanti. Sesto Vietti, alle spalle di Dixon e Acosta. In difficoltà il leader Augusto Fernandez, ottavo.
- GIRO 4/25: Lopez va lunghissimo in curva 4, Ogura ne approfitta e gli altri inseguitori si ricongiungono. Tutti vicinissimi dalla prima alla sesta posizione, anche se è difficile sorpassare. Bagarre Acosta-Vietti, l’italiano ha la meglio e guadagna la quinta piazza.
- GIRO 7/25: Dixon va in completa crisi, infilza una serie di traiettorie sbagliate e subisce quattro sorpassi, in primis quello di Celestino Vietti, che risale al quarto posto. Intanto Chantra ha attaccato Lopez, per un uno-due tutto Team Asia con Ogura che guida la gara.
- GIRO 11/25: altro lungo di Alonso Lopez alla staccata di curva 4, messo sotto pressione da Vietti! Ne approfitta l’italiano del team VR46, che si lancia virtualmente in zona podio. Davanti a lui la coppia asiatica è distante quasi due secondi, ma Celestino è il più rapido in pista.
- GIRI 17-18/25: CADUTA DI CELESTINO VIETTI! “On fire” per tutta la gara, il 20enne piemontese era riuscito a chiudere il gap da Chantra e a francobollarsi sul codone del thailandese, ma perde l'anteriore alla staccata di curva 3. Alla tornata successiva finiscono a terra scontrandosi pure Arbolino e Dalla Porta, con le moto che restano in mezzo alla pista.
- ULTIMO GIRO: si riaccende la lotta per il primo posto! Chantra si riporta sotto a Ogura e attacca il compagno di squadra alla penultima curva, ma il giapponese risponde alla staccata finale. È una storica doppietta per il Team Asia, Dixon beffa le KTM di Acosta e Fernandez ottenendo l'ennesimo terzo posto dopo Assen e Silverstone.

Il momento social

Il migliore

Ai OGURA (Honda Team Asia): gara dominata per quasi tutti i giri, sangue freddo nella bagare con il compagno di squadra e il controsorpasso all'ultima curva. Prima volta in testa al Mondiale, se lo merita tutto. È già un pilota da MotoGP?

Il peggiore

Celestino VIETTI (Kalex VR46): era il più veloce in pista, con un po' più di calma sarebbe potuto risalire sul secondo gradino del podio, se non sognare qualcosa di più visto il finale di gara. Invece butta via l'ennesima prova, probabilmente per l'eccessiva foga. Durissimo colpo sul morale e sul Mondiale, quei due davanti (Ogura e Augusto Fernandez) non sbagliano mai.

7 italiani, 5 rookie e 8 Ducati in pista: i piloti della MotoGP 2022

Gran Premio d'Austria
Pecco c’è anche in Austria! Tris di fila per Bagnaia, 2° Quartararo
21/08/2022 ALLE 11:43
Gran Premio d'Austria
Moto3: Sasaki vince con due long lap! Foggia solo 12°
21/08/2022 ALLE 09:49