Si chiude la prima corsa del weekend del Gran Premio d'Olanda, nono atto del mondiale 2021 della Moto3. Una gara diversa dal solito, con un ritmo super, zero meline e poche sportellate. I sorpassi e le emozioni comunque non sono mancate, ma almeno non abbiamo visto giochetti e chiusure di gas.
A vincere è un super Dennis Foggia. Su una pista dove la scia conta meno, grazie anche al vento sui rettilinei che porta i riders a non poter sfruttare la scia, l'italiano praticamente comanda dal primo all'ultimo giro il gruppo di testa, senza essere attaccato più di tanto dai rivali. Sempre davanti, Foggia spinge e non si fa superare da nessuno, trionfando per la seconda volta in stagione.
Gran Premio d'Olanda
Dominio Yamaha con Viñales in pole davanti a Quartararo. Rossi 12°
26/06/2021 A 12:03
Secondo un ottimo Sergio Garcia. A tratti sembrava l'unico in grado di stare al passo con Foggia, ma nel finale deve per lo più coprirsi e tenersi la piazza d'onore. Terzo invece un immenso Romano Fenati: l'italiano deve scontare ben due long lap, ma non demorde e a suon di sorpassi e giri veloci torna sul gruppo dei primi, li passa tutti e prova a prendere Foggia. L'operazione non riesce ma comunque conquista un fantastico podio.
"Solo" quarto Acosta. Pedrito stavolta non ne ha, rimonta dalle retrovie ma con una corsa dal ritmo super non ne ha per arrivare almeno a podio. In verità taglia quinto al traguardo, beffato da Binder all'ultima chicane. Ma il sudafricano viene penalizzato e perde tre posizioni, regalando il quarto posto ad Acosta.
Bravo Suzuki quinto. Tatsu ricordiamo, stamattina non ha fatto il warm-up perché risultato positivo al COVID. Ma nel secondo tampone era negativo, quindi è potuto scendere in pista per la gara.
Male invece Alcoba che, partito dalla pole, fa la gara del gambero e torna indietro, finendo lontano dal gruppo di testa, decimo al traguardo.
Gara comunque favorevole ad Acosta che perde pochi punti nel mondiale sui rivali. Pedro Maravilla mantiene oltre quaranta punti su Garcia secondo e può andare in vacanza col mondiale in mano.

La cronaca in cinque momenti

- Pronti via e Fenati parte a fionda e si porta avanti. Secondo Garcia, poi Foggia, Rodrigo, Alcoba, Artigas, Toba, Binder, Suzuki e Antonelli. Romano al secondo gro fa il primo long lap e Foggia si porta in testa. Secondo un ottimo Artigas, poi Garcia, Rodrigo, Binder, Alcoba, Toba, Fenati e Suzuki. Acosta, dalle retrovie, è già 14mo.
- Fenati sconta il secondo e ultimo longo lap e si mette dietro ad Acosta e Migno per la rimonta sul gruppo dei primi. Foggia è sempre davanti, poi Garcia, Binder, Suzuki, Artigas, Rodrigo e Alcoba. Poi subito dietro secondo gruppetto con Acosta, Fenati, McPhee, Migno Toba e Antonelli. Purtroppo la tigre Antonelli e Migno si toccano, finendo a terra.
- Siamo a metà gara e rimangono in nove a lottare per la vittoria: Foggia, Binder, Suzuki, Garcia, Fenati, Artigas, Rodrigo, McPhee e Acosta. Pedro stavolta non sembra avere il ritmo per fare la differenza e fatica a stare con il gruppo, ma comunque rimane li.
- Si arriva ai dieci giri finali. Foggia è sempr davanti, poi Garcia, terzo un pazzesco Fenati che ha un ritmo super. Quarto Binder, poi McPhee, Suzuki, Acosta, Artigas e Rodrigo. Acosta a sei giri dalla fine cambia marcia e si porta tra i primi, mentre Foggia continua a guidare il gruppo.
- Ultime tornate. Foggia comanda sempre il gruppo, solo Garcia e Fenati provano a stargli dietro. Dennis sempre davanti anche quando inizia l'ultimo giro. Il missile esenza grossi problemi la vince, davanti a Garcia e Fenati. Quarto Binder, poi Acosta e Suzuki. Binder però va sul verde all'ultimo giro e perde diverse posizioni.

La statistica chiave

Terza gara in carriera vinta da Dennis Foggia. Primo giro veloce in carriera per Pedro Acosta.

La dichiarazione

Romano FENATI - "E' stato incredibile. Fare un podio qui su questa pista, dopo una grande gara. Dopo i due long lap mi sentivo comunque benissimo sulla moto. Così giro dopo giro ho recuperato. Nel finale ero al limite con la gomma posteriore, ma ce l'ho fatta. Tutto il weekend la moto è stata perfetta, è stato bellissimo guidare".

Il momento social

Il migliore

Dennis FOGGIA - Gara praticamente dominata. Quasi dal primo all'ultimo giro comanda con un ritmo infernale, da solo davanti. Corsa veramente super.

Il peggiore

Adrian FERNANDEZ - In questo weekend non ci ha capito molto e ne ha combinate di tutti i colori. Con due long lap da scontare, Fenati rimane nel gruppo di testa, lui sprofonda nelle retrovie, per poi scivolare e finire nell'erba nelle ultime fasi di gara.

Di Giannantonio racconta Fausto Gresini: "Era il fulcro di tutto"

MotoGP
Marquez: “Non guido la Honda come vorrei, ma non voglio cambiare moto"
19/05/2022 A 07:49
MotoGP
Bastianini top, Bagnaia flop: Ducati deve cambiare gerarchie per il titolo?
16/05/2022 A 13:28