Marc Marquez è apparso assolutamente sereno e tranquillo nel corso della conferenza stampa che ha dato il via ufficiale al fine settimana del Gran Premio del Giappone 2018 di MotoGP. Lo spagnolo arriva alla gara di Motegi con il vento in poppa e la grande chance di vincere il suo quinto titolo nella classe regina. Secondo le parole del Cabroncito, tuttavia, le emozioni saranno quelle di sempre.
"Le vittorie di Aragon e Thailandia sono state fondamentali per il mio campionato, soprattutto perché ottenute contro le Ducati che si stanno confermando ad altissimi livelli. Con i punti guadagnati nelle ultime uscite, potrò giocarmi il primo match point in questo fine settimana, ma sono pronto ad affrontare il weekend come sempre, per cui sin da domani lavorerò per mettermi nelle migliori condizioni in vista della gara di domenica. Dovremo impostare bene la moto e trovare il giusto mix tra curve lente e accelerazioni. Andrea Dovizioso su questa pista è formidabile, per cui sarà un avversario temibile. Ad ogni modo mancano ancora quattro gare alla conclusione, quindi non sento grande pressione”.
In caso tutto vada per il verso giusto sarebbe il terzo Mondiale che Marquez festeggerebbe in Giappone. Ma le emozioni non sarebbero le stesse.
MotoGP
Jarvis: "Rossi avrebbe vinto titolo 2015, senza le accuse a Marquez"
06/10/2021 A 16:23
Nel 2014 avevo un margine talmente ampio che concludere festeggiando era praticamente scontato, nel 2016, invece, sono cadute in gara entrambe le Yamaha per cui non me lo aspettavo proprio di poter chiudere i conti in quell’appuntamento. Quest’anno proveremo a ripeterci ma non si potrà certo parlare delle emozioni vissute dodici mesi fa a Valencia, quando eravamo impegnati nell’ultima gara della stagione e ci giocavamo il titolo.

Guarda chi c'è, Marc Marquez alla Vuelta: "Amo il ciclismo, non potevo non venire"

Un anno fa il GP nipponico visse la splendida battaglia tra Marquez e Dovizioso in condizioni critiche. Una corsa che il portacolori della Honda non ha bisogno di guardare nuovamente in televisione.
La gara della scorsa stagione non ho bisogno di rivederla in tv, l’ho tutta dentro la mia testa, come se avessimo corso ieri. Fu un Gran Premio davvero complicato, con tantissima pioggia. Io e Dovizioso mettemmo in scena un bel duello, e lui mi beffò proprio nell’ultimo rettilineo; io riprovai il sorpasso all’ultima chicane, ma fu impossibile compiere quel sorpasso. Fortunatamente domenica le condizioni saranno migliori, un altro punto positivo per questo GP del Giappone.
Gran Premio di San Marino
Bagnaia: "La moto va bene", Quartararo: "Contro le Ducati facciamo fatica"
17/09/2021 A 15:55
Gran Premio di San Marino
Viñales guida le FP1 con l’Aprilia; riecco Morbidelli e Dovizioso
17/09/2021 A 09:10