Domenica con il Gran Premio del Portogallo 2020 di MotoGP di Portimao, si concluderà ufficialmente l’avventura di Andrea Dovizioso e Danilo Petrucci in Ducati. Il pilota romagnolo e il ternano, infatti, non hanno rinnovato il loro accordo con la scuderia di Borgo Panigale e, per le notizie giunte fino a questo momento, il primo sarà pronto per un anno sabbatico nel 2021, mentre il secondo andrà in KTM. L’esperienza con la moto tinta di rosso si va a concludere nel peggiore dei modi per il forlivese, che sperava di poter andare ancora avanti a lungo con un binomio che, leggendo i numeri, ha avuto discreto successo.

In otto stagioni Andrea Dovizioso ha totalizzato 14 vittorie, 40 podi e 6 pole position, concludendo per ben tre volte consecutive al secondo posto nella classifica finale nel 2017, 2018 e 2019 sempre alle spalle dell’imprendibile Marc Marquez. “Desmo Dovi”, si trova attualmente al sesto posto della classifica generale a pari punti con Fabio Quartararo, quinto, ma ha ancora la possibilità di lottare per la seconda e terza posizione in campionato. Uno stimolo ulteriore per disputare un fine settimana all'altezza del suo talento e farsi rimpiangere dal marchio di Borgo Panigale.

Gran Premio del Portogallo
Valentino Rossi: "Pista fantastica, mi sono trovato bene nei test"
18/11/2020 A 14:09

“Ho molta voglia di ritornare in pista questo fine settimana a Portimão. Anche se sarà molto difficile, possiamo ancora giocarci la seconda o la terza posizione in campionato e sarebbe bello poter concludere la mia avventura in Ducati e una stagione così difficile centrando questo obiettivo. Sarà la mia ultima gara in sella alla Desmosedici GP e sicuramente sarà molto emozionante. Correremo su un circuito nuovo per la MotoGP e questo renderà il fine settimana ancora più speciale. Spero di potermi divertire”.

Danilo Petrucci, Andrea Dovizioso, Ducati, Getty Images

Credit Foto Getty Images

Petrucci: "Sarà emozionante scendere dalla Desmosedici dopo 6 anni"

Gli fa eco anche Danilo Petrucci, a sua volta all’ultima gara in Ducati prima di sbarcare in KTM: “Nonostante abbiamo fatto un test a Portimão qualche settimana fa, girando con la Superleggera V4 stradale, nessun pilota ha esperienza in sella ad una MotoGP su questo tracciato, perciò partiremo tutti da zero e con pochissimi riferimenti a disposizione. Sarà anche la mia ultima gara in sella alla Ducati dopo sei anni, due dei quali trascorsi nel team ufficiale, e mi aspetto un fine settimana emozionante sotto tanti aspetti: voglio pensare solo a concludere questa avventura con un bel risultato e cercherò di dare il massimo per ottenerlo”

alessandro.passanti@oasport.it

Chi è Mir, il nuovo campione del mondo della MotoGP

MotoGP
Come Mir e Suzuki sono riusciti a laurearsi campioni MotoGP
16/11/2020 A 15:42
MotoGP
Dovizioso: “Ho ancora il fuoco dentro. Tornerò nel 2022”
25/11/2020 A 07:33