E' Enea Bastianini il vincitore del Gran Premio di Aragon, nuovo atto del mondiale 2022 della MotoGP. Dalla Spagna la Bestia torna alla vittoria che gli mancava dal GP di Francia di maggio.
Gara incredibile del rider del team Gresini, che non parte al meglio ma bada ad amministrare nelle prime fasi, per poi provarci su Pecco Bagnaia nel finale. Ultimi giri da urlo: la Bestia guadagna giro dopo giro sul futuro compagno di squadra, per poi attaccarlo e passarlo all'ultima tornata, sfruttando gomme tenute meglio rispetto al rivale. Quattro vittorie stagionali, non poco per una moto del team satellite.
Gran Premio di Aragon
Moto3: Guevara domina e allunga nel mondiale. Disastro Foggia
18/09/2022 ALLE 10:05
GoFree ci prova, ma alla fine deve cedere. Pecco parte a fionda e se ne va. Ma Enea pian piano recupera e alla fine lo passa. Dopo quattro successi di fila Bagnaia quindi deve cedere il gradino più alto del podio ad Enea, ma comunque può essere felice. La prestazione è super, dato che i due hanno messo in mostra un ritmo assurdo, inarrivabile per tutti gli altri. E poi sono 20 punti fondamentali in ottica mondiale, con Fabietto che incassa uno zero importante.
Risultato disastroso per Quartararo. Il francese non parte al meglio e si fa passare da alcuni piloti, tra cui Marquez. Il Cabroncito però perde per un attimo il posteriore in curva 2, il francese è subito dietro e lo centra in pieno, cadendo brutalmente. Finisce quindi subito la sua gara, che si trasforma nella peggiore di questa stagione. Zero pesantissimo, con Bagnaia ora che si ritrova a soli 10 punti di distacco.
Terzo un grandissimo Aleix Espargaro, che risponde al meglio a tutte le critiche arrivategli addosso dopo le ultime prestazioni. Grande gara dell'Aprilia, con lo spagnolo che torna in lotta per il titolo. Il problema è che arriva lontanissimo dai primi due che semplicemente fanno una gara a parte. Buonissimo quarto posto di Binder, davanti a Jack Miller sottotono.
Le Ducati fioccano nei dieci, segno che anche questa pista, con i due lunghi rettilinei, era totalmente favorevole alla moto di Borgo Panigale. Sesto Martin, poi Marini e Zarco. Nono Rins, chiude la top ten Bezzecchi.
Per Marquez non certo il ritorno sperato. Il Cabroncito parte bene, poi però rischia la caduta e viene centrato da Quartararo che ha la peggio. Rimane clamorosamente in piedi ma con il posteriore difettoso. Così nel momento in cui attiva l'abbassatore perde il controllo della moto e viene toccato anche da Nakagami che cade e rimane pericolosamente in mezzo alla pista, fortunatamente il gruppo riesce ad evitarlo. Marc quindi è costretto al ritiro dopo pochi metri. Totalmente incolpevole per quello che è accaduto.
Mondiale quindi totalmente riaperto. Bagnaia a -10, Aleix a -17. Quartararo in Giappone dovrà assolutamente cambiare marcia, sempre che il fisico lo assisterà dato che con il crash di oggi avrà sicuramente ripercussioni.

Tabellino

CLASSIFICA: Bastianini, Bagnaia, Aleix, Binder, Miller, Martin, Marini, Zarco, Rins, Bezzecchi, Oliveira, Marquez, Viñales, Crutchlow, Pol.

La cronaca in cinque momenti

- Pronti via e Bagnaia comincia alla grande. Dietro però succede di tutto: Quartararo non parte bene e si fa passare da Marquez, che però in curva 2 perde per un attimo il posteriore e il francese centra in pieno la moto del Cabroncito. Bruttissimo crash del francese, con Marquez che invece rimane in piedi ma con la moto difettosa, e così qualche curva 2 si tocca anche con Nakagami. Il giapponese perde il controllo e rimane in mezzo alla pista, fortunatamente nessuno lo centra. Marc si ritira, davanti Bagnaia è in testa su Binder, Miller e Bastianini, ma le due Ducati in breve tempo tornano davanti alla KTM.
- Bagnaia guadagna qualche metro, mentre Enea passa Miller e si butta all'inseguimento di Pecco. L'aggancio avviene e la bestia passa il futuro compagno, ma poco dopo va lungo e torna secondo. Terzo è Binder davanti ad Aleix, mentre Miller perde qualche metro ed è quinto.
- Bagnaia e Bastianini mettono in mostra un passo assurdo. In breve i due guadagnano oltre tre secondi sul resto del gruppo, capitanato sempre da Binder, Aleix e Miller. La Bestia rimonta decimo su decimo e nel finale arriva l'aggancio.
- Cinque giri alla fine. Bastianini prova a farsi vedere su Bagnaia, che però tiene. Dietro Aleix si attacca a Binder e lo passa, conquistando un gran podio. Sesto sempre Miller, poi Martin, Marini e Zarco.
- Ultimo giro non per deboli di cuore. Bastianini parte dietro, ma dopo qualche curva attacca e passa Bagnaia. Nel rettilineo finale la Bestia ha maggiore trazione e rimane davanti, vincendo davanti a Pecco e ad Espargaro.

La stastistica chiave

Con cinque gare d'anticipo Ducati vince il Mondiale costruttori.

La dichiarazione

Francesco BAGNAIA: "E' andata alla grande. Ho fatto il massimo ma Enea all'ultimo giro aveva più trazione ed è stato più bravo. Fabio è stato sfortunato a cadere al primo giro. Alla fine non ho sentito di poter superare Enea e ho pensato al secondo posto. Comunque va bene essere a -10 nella generale".

Il momento social

Il migliore

Enea BASTIANINI: Semplicemente assurdo. Grandissima gara, ritmo super e rimonta pazzesca ai danni di Bagnaia. La Bestia fa perdere cinque punti fondamentali nel mondiale, ma se giustamente non ci sono giochi di squadra Enea fa bene a passarlo. Quarta vittoria stagionale. Tantissima roba.

Il peggiore

Maverick VIÑALES: Weekend veramente complicato. Sembrava avere un buon passo nelle libere, poi però rimane fuori dal Q2 e da qui inizia il disastro. In gara fatica dietro a Crutchlow per lung tempo. Chiude mestamente 13mo quando Aleix è terzo. Un grande passo indietro rispetto alle ultime uscite.
Tutte le pagelle le trovate qui.

Nadia, la moglie di Gresini che porta avanti il sogno di Fausto vincendo

Gran Premio di Aragon
Marquez is back! Cosa aspettarsi dal ritorno del Cabroncito?
15/09/2022 ALLE 12:25
Gran Premio di Aragon
Nakagami operato alle due dita infortunate nella caduta
19/09/2022 ALLE 16:44