Danilo Petrucci ha fatto saltare il banco sul bagnato e ha vinto il GP di Francia 2020, tappa del Mondiale MotoGP andata in scena sul circuito di Le Mans. L’acqua è stata grande protagonista sul tracciato transalpino, il centauro della Ducati è riuscito a domare Giove Pluvio e a conquistare una spettacolare vittoria restando a lungo in testa a una gara estenuante. Il ternano ha analizzato la sua prova ai microfoni di Sky Sport MotoGP:

Il gesto del silenzio dopo l’arrivo ce l’avevo dentro da tempo, mi è uscito dal cuore. Ne ho sentito tante in questo periodo e da ieri mi dicevo che potevo provare a vincere, sia sull’asciutto che sul bagnato. Ho visto l’acqua e mi ero detto che sarebbe stata tosta, non avevo nulla da perdere e mi sono messo lì piano piano. A un certo punto Dovizioso mi ha attaccato, poi ho visto che Marquez rientrava e ho iniziato a spingere. Sono arrivato alla prima curva a destra e mi si è chiusa la moto, allora mi sono dato una calmata. Gli ultimi dieci giri sono stati duri, ma mi sono detto che oggi non mi avrebbero passato.
Gran Premio di Francia
Le pagelle: super Petrucci e Marquez, male Bagnaia e Rossi
11/10/2020 A 12:58

L’alfiere di Borgo Panigale ha quindi proseguito:

Per rendere al meglio devo sentirmi parte di un lavoro e di un progetto. Pian piano, con tutte le mie forze, ce l’abbiamo fatta a ritornare lì davanti. E sui prossimi appuntamenti: Possiamo vedere altre gare così? Sì, è l’obiettivo. A Barcellona abbiamo ritrovato le giuste sensazioni, qui sono sempre stato davanti e non vedo l’ora di andare ad Aragon. Ora voglio fare gara per gara e portare a casa il maggior numero possibile di podi.

Marquez: “Sono vicino al rientro, questo è un mondiale strano”

Gran Premio di Francia
Petrucci risorge e vince a Le Mans! Dovi 4°, Rossi out
11/10/2020 A 11:57
GP Teruel
Dovizioso: “Titolo? Non mi arrendo"
4 ORE FA