Gara difficile della Moto3 sul circuito di Le Mans, valido per il Gran Premio di Francia, quinto atto del mondiale. Corsa totalmente diversa rispetto alle precedenti: niente bagarre per la vittoria, niente gruppone di testa, ma piloti ben staccati dovuto all'asfalto bagnato.
Si perché si parte con la pista bagnata per la pioggia caduta nel warm up. Ma successivamente esce il sole e la traiettoria si asciuga in poche tornate. Ne esce un tracciato viscido e, soprattutto nelle prime fasi. E' il festival delle cadute: sono in tanti a finire a terra, mentre diversi altri, tra cui Migno, non riescono mai a trovare il passo corretto.
Gran Premio di Francia
Rossi: "Più veloce che nelle scorse gare", Marquez: "Se piove..."
15/05/2021 A 20:46
Altri piloti invece si adeguano subito. I migliori in queste condizioni sono sicuramente Sergio Garcia e Filip Salac. I due partono alla grande e in pochi giri hanno già un grosso vantaggio sulla concorrenza. Comandano senza grossi problemi fino alla fine, con lo spagnolo che ne ha di più rispetto al rivale e quindi coglie la sua seconda vittoria in carriera. Bravissimo Sergio che, complice i disastri degli altri, si ritrova addirittura secondo nel mondiale. Buona prova anche di Salac che coglie il primo podio in carriera.
Terzo, più staccato ma comunque grandioso, per il super Riccardino Rossi. Bravissimo l'italiano a stare davanti al gruppo degli inseguitori. Anche lui conquista la prima top three della sua vita. Tra l'altro Riccardo fa il miglior giro della gara all'ultima tornata, segno di grande sicurezza sulla moto in condizioni veramente complicate.
I delusi sono tanti. Come detto, molti big finiscono a terra nelle prime curve. Masia, Antonelli, Alcoba, anche il super Pedro Acosta va nella ghiaia nelle prime tornate, poi però riesce a ripartire e a rimontare chiudendo in una ottima ottava posizione. Alla fine diventa una gara positiva per il leader del mondiale, dato che termina davanti a Fenati e Migno. Peccato per gli altri italiani che non trovano mai le giuste sensazioni sul tracciato viscido e finiscono lontano dai primi. Romano è decimo al traguardo, 12mo Migno. Gara difficile per Andrea che, partito dalla pole, non ha proprio ritmo per tutta la corsa. Ora una settimana di stop. Poi il Mugello!

La cronaca in 5 momenti

- Dopo la tanta pioggia della mattinata, il cielo addirittura si apre qualche minuto prima della partenza. Così si parte sul misto con Migno che sbaglia curva 2 e va lungo, davanti si porta Antonelli, poi Salac, Masia, Rossi, Garcia, Rodrigo e Migno. Ma la tigre Nic finisce a terra all'ultima curva del primo giro. Poco dopo anche Suzuki e Alcoba finiscono nella ghiaia.
- E' il festival delle cadute. Gara a eliminazione con le cadute in poche tornate anche di Masia, Rodrigo e Acosta. Davanti comandano Garcia e Salac. Terzo il buon Riccardo Rossi, poi Sasaki, McPhee, Yamanaka e Migno settimo. Fenati è 15mo.
- Garcia e Salac se ne vanno. Girano un secondo e mezzo più veloce degli altri. Rossi comanda il primo gruppo degli inseguitori, davanti a Sasaki e McPhee. Migno non ne ha e perde qualche posizione, finendo decimo. Acosta invece, dopo la caduta, riprende la moto e prova la rimonta.
- Cade anche Binder, mentre davanti Garcia prende qualche metro su Salac. Acosta da dietro recupera, passa Fenati e Migno ed entra nei 10.
- Si arriva alle ultime tornate con la pista ormai asciutta. Garcia e Salac sono sempre in testa con 6 secondi di vantaggio sul trio Rossi-Sasaki-McPhee. Riccardino Rossi è carichissimo e si tiene stretto la terza piazza. Bravo Adrian Fernandez a stare in sesta piazza, davanti ad Artigas e a Pedro Acosta che straordinariamento è ottavo, davanti a Migno e Fenati. Garcia se ne va e vince in solitaria davanti a Garcia e Riccardo Rossi. Quarto McPhee, ottavo Acosta, decimo Fenati, 12mo Migno.

La statistica chiave

Primo podio in carriera sia per Salac che per Riccardo Rossi.

La dichiarazione

Riccardo ROSSI: "E' una bellissima sensazione. Tutti i sacrifici miei, della famiglia e del team, sono finalmente corrisposti. Ringrazio tutti".

Il momento social

Il migliore

Sergio GARCIA: Che gara di Sergione, che si ritrova in testa e comanda senza grossi problemi. Poi sbaglia, si fa sorpassare da Salac, ma non demorde, torna davanti e guida da fenomeno assoluto in condizioni veramente difficili.

Il peggiore

Jeremy ALCOBA: altra gara veramente negativa. Cade anche lui, poi torna in pista ma termian a 4 giri dai migliori. Tre ritiri nelle prime cinque corse. In fin dei conti è un inizio di stagione disastroso.

Marquez dall'inferno al ritorno: le tappe del suo calvario

Gran Premio di Francia
Doppietta Yamaha: Quartararo in pole davanti a Viñales. Rossi 9°
15/05/2021 A 12:05
Gran Premio di Francia
Lo strano incidente di Morbidelli, si fa male in pit-lane
15/05/2021 A 10:10