Si è chiuso il Gran Premio di Germania con il dominio assoluto di Fabio Quartararo. Il francese trionfa al Sachsenring davanti a Johann Zarco, per una doppietta tutta francese. Chiude il podio Jack Miller, davanti ad Aleix Espargaro. Delude invece Pecco Bagnaia, caduto in curva uno al terzo giro. Ora El Diablo ha ben 34 punti di vantaggio nella generale sulla Aprilia di Aleix. Andiamo a dare i voti ai protagonisti di questo GP.

Le pagelle

Fabio QUARTARARO Voto 10 e lode: Cosa dire di questo stratosferico campione? Una gara assurda, corsa da solo con un ritmo pazzesco per gli altri. Vince con una vita di vantaggio su tutti per la seconda volta di fila. Ma soprattutto comanda sempre di più nella generale, sfruttando il piccolo passo falso di Aleix, quarto al traguardo. Il francese quindi succede a Marquez nell'albo d'oro di questo GP, dopo che il Cabroncito aveva dominato qui addirittura negli ultimi 10 anni. E questo Quartararo ormai ricorda sempre più da vicino Marc Marquez, perfetto quando ne ha, superiore alla concorrenza in pista e di testa.
Gran Premio di Germania
Cade Bagnaia, Quartararo domina davanti a Zarco e Miller. 4° Aleix
19/06/2022 A 11:45
Johann ZARCO Voto 9: Messo in ombra dalla prestazione monstre di Quartararo, Zarco comunque non è da meno. Il francese è bravissimo a sfruttare la sua Ducati e chiude saldamente al secondo posto, con una vita di vantaggio sugli altri.
Jack MILLER Voto 8: Dopo un periodo di crisi, l'australiano si riscatta con una gara veramente buona. Sconta un long lap nelle prime fasi, continuare a combattere e nel finale ottiene la terza piazza su Aleix Espargaro.
Aleix ESPARGARO Voto 6,5: Altra prestazione solida dello spagnolo, stavolta però ne ha di meno rispetto alle settimane passate. Ci prova sino all'ultimo a rimanere sul podio, ma Miller ne ha di più e così si deve accontentare della quarta moneta, perdendo tanti punti nella generale. Ora è a -34 nella generale su Quartararo. Il sogno mondiale finisce qui.
Luca MARINI Voto 7,5: Poche storie, questo ragazzo ha svoltato. Dalla gara di Le Mans Luca è un altro pilota, molto più conscio delle sue capacità e dei suoi mezzi. Quinta piazza finale, non lontano da Miller e Aleix. Prestazione veramente buona. Tanta roba.
Maverick VINALES Voto 7: Bentornato Top Gun! Finisce ritirato, ma si è finalmente rivisto il grande Maverick dei ben tempi. Con una Aprilia finalmente in mano, lo spagnolo fino a quando rimane in pista corre alla pari del compagno di squadra, competitivo sin dal primo giro. Ora però c'è da confermare la prestazione del Sachsenring nelle prossime settimane.
KTM Voto 6: Moto, squadra e piloti enigmatici. Sembrano sempre faticare, ma poi spesso si ritrovano in top ten, non lontano dai primi cinque. Alla fine Binder settimo, Oliveira nono, non così male.
HONDA Voto 4: Negli ultimi otto anni ha sempre vinto Marquez su questa pista, portando in alto la Honda. Oggi non ci sono moto alate nei punti. Nakagami è caduto, gli altri sono o fuori o out dalla zona punti. Va bene aspettare il Cabroncito, ma urge un cambio di rotta dirigenziale, dato che non si può continuare così per una casa così gloriosa.
YAMAHA Voto 4,5: La situazione non è grave come Honda, ma poco di manca. Quartararo domina in lungo e in largo, il resto del gruppo è lontano anni luce. Morbidelli è 14mo a 29 secondi da Quartararo che nell'ultimo giro ha passeggiato. Dovizioso ancora più indietro. Come Honda nel passato, se hai un pilota che domina, va bene così. Ma se questo dovesse venir meno...
Francesco BAGNAIA Voto 4: Problema tecnico? Gomma difettosa? Distrazione del pilota? Quel che è stato è stato. Secondo ritiro di fila, terzo nelle ultime quattro gare. Questa caduta fa ancora più male per il fatto che ne aveva, forse anche per vincere. E invece finisce a terra solo al terzo giro. Un disastro assoluto.

Bagnaia, Marini, Bastianini: gli highlights del test Ducati a Jerez

Gran Premio di Germania
Bagnaia: "Pista bellissima". Bastianini: "La bandiera non c'era"
18/06/2022 A 15:21
Gran Premio di Germania
Bagnaia: “E' cambiato tutto. La moto in curva è perfetta”
17/06/2022 A 15:32