Quarto atto stagionale del mondiale 2021 della MotoGP. I bolidi del motomondiale saranno di scena a Jerez per l'ormai classica gara di aprile. Spesso la pista andalusa era teatro del primo atto europeo, in questo 2021 sarà il secondo dopo il weekend portoghese. Poco cambia: è un tracciato ultra conosciuto da tutti, frequentato tantissimo dai riders per test, per cui non ha segreti per nessuno. Andiamo a scoprire le cinque domande prima del Gran Premio di Spagna

1) Fabio Quartararo vincerà la terza gara di fila?

Monster Energy Yamaha MotoGP's French rider Fabio Quartararo celebrates after winning the MotoGP race

Credit Foto Getty Images

MotoGP
Petrucci: "Sono ottimista. A Le Mans e al Mugello ho già vinto"
25/04/2021 A 10:43
E' l'uomo del momento. El Diablo arriva in Spagna forte della leadership nel mondiale e di due vittorie consecutive. Qui lo scorso anno conquistò la prima vittoria in carriera e fece doppietta, dato che nel 2020 ci fu il back to back qui. Insomma: la forma è eccelsa, il morale è alto e la testa sta benissimo. Si ci aggiungiamo una moto come la Yamaha finalmente competitiva, ecco che abbiamo l'uomo da battere. E' lui il favorito: rispetterà le attese?

2) Bagnaia può sfatare il tabù vittoria in MotoGP a Jerez?

Francesco Bagnaia (63) of Italy and Ducati Lenovo Team Ducati during the qualifying of Grande Premio 888

Credit Foto Getty Images

Se Quartararo è, giustamente, il favorito, i rivali sono tantissimi ed è difficile trovare uno più avvantaggiato di altri. Ma se dobbiamo fare un nome soltanto diciamo il mitico Pecco Bagnaia. Anche l'italiano arriva a Jerez col morale alle stelle, forte di una straordinaria rimonta dalle retrovie a Portimao per l'ormai famigerata vicenda della bandiera gialla. La Ducati è ultracompetitiva, ma tra Losail e il Portogallo non ha ancora raccolto la vittoria, andata solo a Yamaha Factory. E' ora di invertire questa tendenza e l'uomo più accreditato a riuscirci è certamente il campione del mondo Moto2 2018. Il feeling con il mezzo è quello dei giorni migliori, i tempi sono maturi per il primo successo in carriera. Forza Pecco!

3) Viñales, Mir, Rins, Zarco, Morbidelli: chi ha più chance di fare podio?

Mir (36) és Rins (42) vezetésével a Suzuki bejelentkezett a vb-címért.

Credit Foto Eurosport

Quartararo favorito, Bagnaia primo rivale, gli outsider sono invece tantissimi. In primis Johann Zarco: il francese in Portogallo era vicino ad ottenere il terzo podio di fila, prima del problema al cambio che lo ha portato alla caduta. La leadership della generale è andata, ma in fin dei conti il campionato non è un obiettivo per il francese, che comunque vuole continuare a fare bene anche in Spagna. Poi ci sono le Suzuki di Mir e Rins: il campione del mondo è sempre costante e ad alti livelli, non ha ancora fatto vedere tutto il suo potenziale, ma l'acuto è vicino. Alex invece deve rispondere al meglio a tutte le critiche piovutegli addosso dopo la caduta in Portogallo, mentre era secondo dietro Quartararo. Anche lui punta al primo podio della stagione. E poi tra gli outsider mettiamo anche Franco Morbidelli, finalmente a posto con la moto. Due settimane fa è arrivato il primo gran risultato, ora si può solo migliorare. Attenzione a lui!

4) Rossi può bissare il podio ottenuto a Jerez lo scorso anno?

Valentino Rossi of Italy and Petronas Yamaha SRT starts his session at Autodromo Internacional Do Algarve on April 16, 2021 in Portimao, Portugal.

Credit Foto Getty Images

Sono i tre piloti più alla ricerca del riscatto a Jerez, Jack Miller, Maverick Viñales e Valentino Rossi, capace di racimolare appena 4 punti in queste prime 3 gare della stagione. ll Dottore deve darsi una mossa: nelle ultime nove gare che ha fatto non è mai arrivato in top ten, striscia più lunga della carriera. Nel peggior inizio di stagione di sempre non c'è nulla da salvare. Ora però arriva una pista amica come quella di Jerez, dove ha vinto nove volte e dove ha ottenuto l'ultimo podio della carriera. Non ci sono più scuse per lui e l'obiettivo non può che essere quello di tornare nei 10 e magari lottare per un piazzamento nella top 5.

5) Marc Marquez a Jerez un anno dopo l'incidente, cosa attendersi?

Marc Marquez of Spain and Repsol Honda Team walks to his bike to start the session at Autodromo Internacional Do Algarve on April 16, 2021 in Portimao, Portugal

Credit Foto Getty Images

Ultimo tema da affrontare, il Cabroncito. Dopo la solida gara del Portogallo, Marc arriva a Jerez forte di altro allenamento (solo fisico, dato che non è andato in moto in questi giorni) e con la convinzione di essere veramente tornato un pilota. Naturalmente non è al 100%, ma la forma arriverà col tempo. Jerez inoltre è pista più "semplice " e meno dispendiosa in termini di energie rispetto a Portimao. La top ten è il minimo sindacale, vedremo quanto riuscirà ad alzare l'asticella, visto che non ha toccato la moto in questi ultimi 15 giorni svolgendo solo lavoro in palestra su consiglio dei medici. Dopo il 7° tempo chissà se il mirino del marziano di Cervera sarà la top 5?

Marquez dall'inferno al ritorno: le tappe del suo calvario

MotoGP
Rossi: "Mi sarebbe piaciuto sfidare Agostini. Rimpianto? Valencia 2006"
23/04/2021 A 11:02
MotoGP
Lorenzo: "Valentino fa fatica sulla moto, lento nei movimenti"
20/04/2021 A 17:41