Incredibile gara della MotoGP a Jerez, quarto atto del mondiale 2021. Una corsa strana, dominata sin dall'inizio da un grande Quartararo. Poi però il francese ha un crollo incredibile e in poche curve si fa passare da tutti. Così davanti si porta Jack Miller, che coglie la seconda vittoria in carriera, la prima con la Ducati.
Dopo tre vittorie Yamaha nelle prime tre corse, arriva finalmente il successo della Ducati. Dopo tante critiche in quest'inizio di stagione, l'australiano risponde alla grande. Jack è alle spalle di Quartararo per oltre dieci giri, poi passa El Diablo e si invola per il successo che vale tantissimo. Si perché una Ducati vincente a Jerez mancava da 15 anni: la pista andalusa non è stata mai amica della Ducati, ma stavolta non solo arriva la vittoria, ma è addirittura doppietta.
Gran Premio di Spagna
Moto2: doppietta italiana! Di Giannantonio davanti a Bezzecchi
02/05/2021 A 11:17
Secondo un immenso Pecco Bagnaia. Gara altalenante dell'italiano, che non parte bene, poi si porta secondo, successivamente ritorna fuori dal podio, ma alla fine incassa un fantastico secondo posto. E' la costanza fatta a persona Bagnaia e i risultati lo portano addirittura in testa al mondiale. Pecco se ne va da Jerez primo nella generale, passando un Quartararo in giornata di disgrazia.
El Diablo era il grande favorito e, per metà gara, non delude. Il francese non parte forte, ma al quarto giro è già davanti a comandare con un super ritmo. Da metà corsa però il crollo incredibile, forse per un dolore al braccio. Così Fabietto si ritrova fuori dalla top ten in pochi giri, chiudendo mestamente 13mo.
Il podio è chiuso dal solito fantastico Franco Morbidelli. Bravissimo Frenk a tenere alto l'onore della Yamaha in una giornata tutt'altro che facile per il team giapponese. Risultato che dà morale al Morbido, prima Yamaha all'arrivo, dato che Viñales è autore della solita anonima gara, settimo al traguardo.
Quarto posto un ottimo Nakagami, davanti a Joan Mir. La Suzuki non riesce ancora a cambiare marcia come al solito e il campione del mondo è sempre li vicino, ma fatica a dare la zampata. Ottima sesta piazza per Aleix, poi Maverick. Top Gun non sbaglia la partenza, ma non riesce mai a rimontare sui primi. Sceglie la morbida in partenza, scelta che forse non paga.
Ottavo Zarco, poi Marc Marquez. Il Cabroncito limita i danni e guadagna il massimo possibile, una nuova top ten che ha tantissimo valore. A Portimao aveva convinto ma non era caduto, qui di cadute ne fa due, ma nonostante tutto non si perde d'animo e chiude alla grande. Chiude la top ten Pol Espargaro. Come detto, Quartararo è 13mo, Rossi invece ancora fuori dal podio: disastro ancora per il Dottore fuori dalla zona punti e dietro anche a Luca Marini.
Come detto, c'è Pecco in testa al mondiale con 2 punti di vantaggio su Fabio Quartararo. La notizia positiva è che ora si va a Le Mans e Mugello, due piste favorevoli alla moto italiana. Insomma, si può sognare!

L'ordine d'arrivo

I 5 momenti chiave della gara

- Pronti via e Miller parte a fionda e si porta in testa. Secondo Miller, poi Bagnaia e Quartararo. Quinto Aleix, poi Mir, Nakagami, Rins, Viñales e Zarco decimo. Marquez 14mo, Rossi 20mo.
- Quartararo cambia marci. Prima attacca Bagnaia e lo passa. Poco dopo supera anche Morbidelli e attacca Miller, per portarsi in testa al quarto giro. Dietro cadono Alex Rins, Alex Marquez e Binder. Problemi anche per Bagnaia che si fa passare anche da Aleix. Sesto Nakagami, poi Mir, Viñales, Zarco e Pol decimo.
- Si arriva a metà gara. Quartararo ha un secondo di vantaggio su Miller che ha a sua volta due secondi di vantaggio su Morbidelli. Bagnaia supera Aleix e va quarto e si avvicina a Franco. Nakagami sesto, poi Mir, Viñales e Zarco nono. Top ten chiusa da Pol davanti a Marc Marquez.
- A dieci giri succede l'incredibile: Bagnaia si attacca e passa Morbidelli un po' in crisi, stessa crisi che ha anche Quartararo. Miller si attacca al francese e lo passa in poche curve. Problemi di gomme per le Yamaha? Difficile a dirsi. Comunque Miller se ne va, mentre Quartararo crolla: il francese viene superato in poche curve da tutti, uscendo dalla top ten. Doppietta Ducati, poi Morbidelli. Quarto super Nakagami, quinto Miller, poi Aleix, Viñales, Zarco e Marquez nono.
- Si arriva agli ultimi giri. Miller domina, poi Pecco e Morbidelli. Quarto Nakagami, poi Mir, Aleix, Viñales, Zarco, Marquez e Pol decimo davanti a Quartararo. Nel finale Bagnaia e Morbidelli provano a cucire il gap con Miller, senza successo. Vince Miller, davanti a Pecco e Franco. Quarto Nakagami. Settimo Viñales, nono Marquez, 13mo Quartararo.

La statistica chiave

Per la prima volta Pecco Bagnaia è in testa al mondiale. Il successo della Ducati a Jerez mancava da Capirossi nel 2006. 19 gare di fila per Honda senza vittorie nella classe regina, striscia più lunga.

La dichiarazione

Pecco BAGNAIA: "Sono felice. Ho usato una strategia che ha funzionato, anche se all'inizio sono stato forse cauto. Ho gestito le gomme ma ho perso troppo tempo. Poi quando ho spinto nel finale per riprendere Jack non ce l'ho fatta. Sono comunque davanti nel campionato. Abbiamo fatto doppietta a Jerez, su una pista non amica della Ducati. Ora arrivano tracciati più favorevoli a noi.

Il momento social

Il migliore

Jack MILLER: Dopo innumerevoli critiche, arriva un trionfo pazzesco. Super Jack che, dopo le pessime prestazioni e l'operazione al braccio, si ritrova e stravince la corsa. Da ora parte un nuovo mondiale per lui.

Il peggiore

Alex RINS: Ancora un altro passo falso. Un peccato. Di mezzi ne ha tantissimi, purtroppo non riesce mai a tirare fuori tutto il suo valore.

Bastianini: “Non avrei mai pensato di correre contro Rossi”

Gran Premio di Spagna
Moto3: terza vittoria di fila di Acosta! 2° Fenati
02/05/2021 A 10:05
Gran Premio di Spagna
Quartararo: "Non ancora veloce come 2020, ma importante la pole"
01/05/2021 A 14:24