Chissà cosa avrebbe esclamato, Marco Simoncelli. Di sicuro avrebbe sfoderato il sorriso migliore e, dopo essersi accarezzato i lunghi ricci, avrebbe probabilmente esclamato il più classico dei “diobò che razza di figata che avete realizzato”. Già perché nel giorno del suo 32esimo compleanno, la Fondazione intitolata a suo nome, creata pochi giorni dopo la sua morte in quel tragico 23 ottobre 2011, ha fatto le cose in grande inaugurando "Casa Marco Simoncelli", una casa di riposo destinata a persone disabili e realizzata con i soldi delle donazioni e degli incassi degli eventi realizzati per onorare la memoria di SuperSic.
MotoGP
Valentino Rossi regala un sogno allo sfortunato pilota paralizzato in carrozzina
14/01/2019 A 10:11
La struttura, costruita a Sant’Andrea in Besanigo (frazione di Coriano), sarà gestita dalla Montetauro, cooperativa di Coriano che da oltre trent’anni si occupa di servizi socio-assistenziali cui Marco era particolarmente legato. A tagliare il nastro, davanti a un folto pubblico di curiosi, tifosi, amici e personalità come il numero uno di Dorna Carmelo Ezpeleta, ci hanno pensato Paolo Simoncelli, la mamma Rossella, la fidanzata del Sic Kate Fretti visibilmente emozionati per questo che era un progetto ambizioso (è costato oltre 2,2 milioni di euro) e dal quale familiari e soci della Fondazione avevano pensato sin dal primo giorno.
Non pensavo che oggi ci fosse tutta questa gente – ha dichiarato papà Paolo, prima di scoprire il gigantesco murales che orna la facciata della struttura -Tutto è iniziato il 23 ottobre, durante i funerali di Marco, nel giardino di casa nostra quando Carlo Pernat ha lanciato l'idea di una fondazione per il Sic. In tanti lo hanno voluto ricordare e, questa struttura, è il frutto delle donazioni arrivate da tutto il mondo.
Gran Premio del Portogallo
Marquez torna: c'è l'ok dei medici già per Portimao
IERI A 07:34
MotoGP
Fidanzata Rossi: "MotoGP? Dura lavorare con chi ti tocca il sedere"
08/04/2021 A 10:09