Il Gran Premio di Aragon va in archivio. Una gara stupenda, che ci ha regalato il primo successo in carriera di Pecco Bagnaia. Dopo tante sfortune e qualche errore, GoFree è riuscito finalmente a salire sul gradino più alto del podio, battendo in una delle sue roccaforti Sua Maestà Marc Marquez.

PECCO C'E'!

Gran Premio di Aragon
Marquez: "Sono felicissimo per il 2° posto, ero veramente al limite"
12/09/2021 A 13:28
Finalmente è arrivato il grande momento di Francesco Bagnaia. Lo aspettavamo da tempo, dato che di occasioni al vento ne ha buttate tante prima di oggi. Il primo vero tentativo per il successo era arrivato a Misano l'anno scorso, ma era finito a terra. Poi il weekend perfetto di Portimao, prima della bandiera gialla delle qualifiche che ne aveva tarpato le ali. E poi il Mugello, anche li chiuso con una caduta. Dopo tanta sfortuna e qualche errorino, finalmente la grande gioia. Una vittoria di grande autorità, una condotta di gara magistrale, contro l'avversario forse peggiore in assoluto, anche se non al 100%.

Vincere contro Marquez è ancora più bello

Bagnaia e Marquez a duello

Credit Foto Getty Images

Eh già, alla fine i più forti è sempre meglio batterli in pista, specie su un tracciato come Aragon. Ma Pecco ha resistito, combattuto in ognu curva e rispedito al mittente tutti gli attacchi. E così l'italiano ha dovuto attendere a lungo, ma alla fine la vittoria è arrivata, e vincere battendo Marquez dà ancora più gusto. Certo, non è ancora il Cabroncito dei vecchi tempi, tutt'altro che al 100%, ma è sempre un gran bell'osso duro.

Ducati vince su una pista ostica

Pecco Bagnaia

Credit Foto Eurosport

Legata alla grande vittoria di Bagnaia c'è il successo di Ducati ad Aragon, da una vita feudo Honda e Marquez. In verità la casa di Borgo Panigale non vinceva qui addirittura dal 2010 con Casey Stoner, ben prima dell'era di Marc. La storia ci insegna quindi che questo non è mai stato un tracciato amico della Desmosedici, ma stranamente Pecco dalle FP1 si è trovato alla grandissima sin dal primo giro, tanto che non ha cambiato praticamente nulla della moto nelle varie libere. Si conferma quindi il fatto che parliamo di un mondiale anomalo, dove Ducati vince a Jerez ed Aragon, mentre fallisce l'obiettivo in altri circuiti più amici.

Ora c'è Misano, lecito continuare a sognare

"Cercherò di vincere nel prossimo round, a Misano, su un circuito che apprezzo. Ma quello che è certo è che dopo due stagioni in MotoGP, il fatto di aver conquistato una prima vittoria per il team ufficiale in questo modo, è per me una grande emozione".
Da Aragon ci si sposta in Riviera per la gara di Misano. La pista romagnola arriva nel momento giusto. Qui Pecco lo scorso anno fece una corsa clamorosa, prima della caduta. Ci arriverà col morale alle stelle, su una moto che ha dimostrato di sapere andare fortissimo, ma purtroppo anche di essere incline ad alti e bassi. Tra meno di una settimana ne sapremo di più. Certo che ora si può sognare ancora più di prima.

Marquez dall'inferno al ritorno: le tappe del suo calvario

Gran Premio di Aragon
Bagnaia: "Vittoria che sa di liberazione: ho realizzato un sogno"
12/09/2021 A 13:20
Gran Premio di Aragon
Epico Bagnaia! Primo successo in MotoGp, Marquez si arrende
12/09/2021 A 11:51