Si profila una corsa contro il tempo molto complicata e delicata per Marc Marquez in vista del Mondiale MotoGP 2021, dopo essersi sottoposto tre settimane fa alla terza operazione chirurgica al braccio destro in seguito alla frattura dell’omero accusata a Jerez nel primo GP della stagione 2020. Un infortunio che ha già costretto l’otto volte campione iridato a saltare di fatto tutto il Motomondiale 2020 e che potrebbe complicare notevolmente anche la sua corsa per il titolo del prossimo campionato.

MotoGP
Fausto Gresini resta grave: "Serve ventilazione meccanica"
20 ORE FA

Sono passate solo tre settimane dall’operazione ed è molto presto dire se tornerà in pre-season o se salterà due gare – ha detto suo fratello Alex in un’intervista rilasciata al quotidiano iberico SPORT – I periodi di recupero sono di tre mesi, ma se si complica possono arrivare a sei. Devi andare con i piedi di piombo e fare attenzione a quello che dicono i dottori… L’operazione è stata lunga e quando è tornato a casa non sembrava proprio una persona. Ma ogni volta lo vedo con più energia ed è la cosa più importante, mentalmente è tranquillo“.

Alex Marquez che è invece pronto ad affrontare il suo secondo anno nella top class, dopo una stagione da rookie caratterizzata da alti (pochi) e bassi (molti): “Sinceramente non credo che tutte le gare possano svolgersi, soprattutto quelle di inizio stagione ad Austin e in Argentina. Anche i test di Sepang non sono certi. Vedo più fattibile iniziare in Qatar e fare la prima parte del Mondiale in Europa. Vedremo, perché con la pandemia è impossibile fare previsioni. Il mio passaggio in LCR? Non è un passo indietro come dicono alcuni. Lotterò per stabilirmi nella categoria e forse per tornare alla Repsol Honda, dove mi sono sentito a mio agio, molto amato, a casa”.

Marquez: “Sono vicino al rientro, questo è un mondiale strano”

MotoGP
Marquez torna in palestra, recupero incerto
IERI A 16:48
MotoGP
Ducati in MotoGP fino al 2026
IERI A 10:47