Jack Miller comincia nel migliore dei modi la seconda finestra dei test collettivi pre-stagionali MotoGP di Losail, chiudendo la prima giornata davanti a tutti con un tempo migliore rispetto al record ufficiale della pista firmato da Marc Marquez nel 2019. L’australiano della Ducati Factory, dopo aver ben figurato anche nella prima finestra di test, si conferma quindi a proprio agio con la nuova GP21 specialmente per quanto riguarda il giro secco, come dimostra l’incredibile time attack effettuato ad un quarto d’ora dal termine della sessione.
Miller ha fermato il cronometro sull'1'53"183, battendo così la pole position di Marquez del 2019 (1’53″380), anche se nei test non sono presenti i track limits quindi il tempo odierno di Miller non andrà in archivio come nuovo primato del circuito. Ottimi segnali dunque in casa Ducati, che ha testato una nuova carena con l’obiettivo di migliorare l’efficienza aerodinamica. Alle spalle del vice-campione iridato Moto3 nel 2014, si è inserito il nuovo duo della Yamaha Factory con Fabio Quartararo e Maverick Viñales rispettivamente in seconda e terza posizione grazie ad una simulazione di qualifica estremamente efficace.
MotoGP
Valentino Rossi: "Secondo giorno di test difficile"
07/03/2021 A 21:34
Il francese è stato in grado a sua volta di andare sotto alla pole del 2019 in 1’53″263, a 80 millesimi di ritardo dalla vetta, mentre lo spagnolo (che ha provato novità al telaio con un parafango inedito) ha stampato un notevole 1’53″510 pagando 327 millesimi dalla miglior prestazione assoluta di giornata. Ducati competitiva anche con il francese Johann Zarco (Team Pramac), capace di issarsi in quarta posizione a 0.716 dalla testa toccando la velocità record odierna di 352.9 km/h sul dritto. Stesso tempo al millesimo per la Honda di Pol Espargarò, che prende sempre più confidenza con la nuova moto dimostrandosi già ad un ottimo livello dopo soli tre giorni completi di test ufficiali. Aprilia meno brillante dello scorso weekend ma comunque stabile nei piani alti della graduatoria, con il 6° posto di un Aleix Espargarò in grande spolvero che paga 788 millesimi dal miglior tempo di Miller.
Rendimento costante finora in Qatar per la Suzuki, che si conferma nella top10 provvisoria con entrambi i piloti grazie al 7° tempo di Joan Mir e all’ottavo di Alex Rins a meno di 1″ dalla vetta. Completano il quadro dei migliori 10 Francesco Bagnaia, 9° con la Ducati, ed il giapponese Takaaki Nakagami con la Honda LCR. Buoni riscontri sul passo ma manca ancora l’exploit sul giro secco per la coppia italiana della Yamaha Petronas, con Franco Morbidelli 11° a 1.184 e Valentino Rossi 13° a 1.435 dopo aver provato anche una nuova carena sulla sua M1 ufficiale. Miglior rookie di giornata Enea Bastianini, 14° con la Ducati Avintia Esponsorama appena alle spalle del Dottore.

Mir, Rossi, Suzuki: le statistiche del folle 2020 in MotoGP

MotoGP
Espargarò davanti a tutti nei test: Morbidelli 7°, Rossi 14°
06/03/2021 A 19:09
MotoGP
Valentino Rossi: "Se mi giocherò il podio, avanti fino al 2022"
03/03/2021 A 11:37