Archiviato nell’ultimo weekend il Gran Premio di Francia 2021 della MotoGP, non poteva mancare la consueta analisi post-GP di Jorge Lorenzo sul suo canale Youtube 99 Seconds. L’ex centauro di Yamaha e Ducati, cinque volte campione iridato nel Motomondiale, ha toccato diversi temi concentrandosi principalmente sulle prestazioni di Valentino Rossi, Marc Marquez ed i principali candidati al titolo.

Il pensiero su Valentino Rossi

"Miglioramento sostanziale di Valentino Rossi. E’ stato più veloce che in altre gare, soprattutto sull’asciutto, e questa cosa è importante. Abbiamo visto un Valentino simile a quello del 2020, quando era regolarmente nella top 10 anche se non era il suo anno migliore. Spero che i miglioramenti di questo fine settimana siano dovuti ad un qualcosa che ha trovato nei test di Jerez e che possano confermarsi nelle prossime gare", ha detto il n.99.
MotoGP
Chi è Jack Miller: l'australiano che fa sognare la Ducati
17/05/2021 ALLE 14:00

Valentino Rossi, 42 anni di una leggenda non ancora sazia

A proposito di Marc Marquez

"Nonostante le cadute e il risultato, che non possiamo negare sia brutto e lo allontana dalla lotta per il titolo, abbiamo visto un Marquez più solido, più forte e più vicino alle prime posizioni.Sull’asciutto stava iniziando a rimanere indietro, ma quando è arrivata la pioggia ha iniziato a trovarsi meglio degli altri piloti. Ha iniziato rapidamente a recuperare posizione e prima del cambio moto ha superato Quartararo nella corsia box".
"Sembrava che le circostanze si fossero alleate con lui, perché è uscito dai box per primo, e pareva che potesse ottenere la prima vittoria dopo l’infortunio – prosegue il maiorchinoQuando l’ho visto in TV, con così tanta fiducia ed aggressività, ho iniziato a temere quell’incidente perché l’ho visto troppo fiducioso e la gara era ancora lunga. La mia paura si è avverata e lui è caduto. Ha recuperato la moto ed è tornato in pista: a quel punto era o tutto o niente e alla fine è stato niente. E’ un vero peccato perché aveva la vittoria in mano e sarebbe stata una grande gioia dopo una lunga sofferenza".

Marquez dall'inferno al ritorno: le tappe del suo calvario

Su Jack Miller

"A Jerez erano cinque anni che Miller non vinceva una gara, ma ne ha vinta subito un’altra a Le Mans. E’ incredibile la fiducia e la sicurezza che una vittoria può dare ad un piloti. Ti fa credere in te stesso e ti fa guidare meglio. Questo è quello che è successo con Jack. Ha avuto un’altra possibilità sotto alla pioggia, della quale è uno specialista, ed era lì per sfruttarla al meglio".

Su Bagnaia

"Continua la grande costanza di Bagnaia. Tranne che per la seconda gara in Qatar, è sempre stato tra i primi quattro. Era molto facile sbagliare, in questi momenti difficili devi sapere come finire la gara e fare molti punti. I campioni vincono quando possono e quando non possono limitano i danni, non fanno errori e non finiscono fuori dalla top 10".

Infine, un commento su Fabio Quartararo

"Grande risultato. Ha chiuso davanti a Bagnaia ed ha riconquistato la testa della classifica. Non era facile, perché tornava da un infortunio. La Yamaha era messa davvero male sotto alla pioggia, ma in quelle condizioni di gara ha tenuto duro ed ha limitato i danni. In queste condizioni, un podio vale una vittoria".

Jorge Lorenzo, il campione che ha battuto Marquez e segnato un’epoca nel dualismo con Rossi

MotoGP
🏍 Dai flop al mondiale di Bagnaia: come Ducati è diventata la moto n°1
07/11/2022 ALLE 10:10
Gran Premio di Valencia
Dall'amaro 2015 di Rossi ad Hayden: i 10 titoli decisi all'ultimo GP
03/11/2022 ALLE 16:01