In Catalogna domenica scorsa è andata in scena l’ennesima domenica da dimenticare per Valentino Rossi. Scivolata e ritiro mentre era in lotta per la 13esima posizione con due rookie come Enea Bastianini e il fratellino Luca Marini e l’eterno incompiuto Iker Lecuona. Dopo 7 GP il Dottore ha totalizzato la miseria di 15 punti, disputando solo una gara ‘decente’ per sua stessa ammissione: quella al Mugello, chiusa con l’unico piazzamento in top 10. Un tunnel di bocconi amari e prestazioni anonime che, specie in un anno in cui la Yamaha ha ottenuto 4 vittorie e 6 podi in sette GP con Quartararo-Vinales e Morbidelli, fa ancora più specie e acuisce i rimpianti e la domanda che tutti continuano a porsi: per Valentino Rossi sono giunti i titoli di coda?

Valentino Rossi, GP Spagna, MotoGP, Getty Images

Credit Foto Getty Images

Il 42enne leggendario campione di Tavullia ha sempre ripetuto che una decisione definitiva sul proprio futuro sarebbe arrivata prima dell’estate ma secondo l’autorevole “El Periodico de Catalunya” Vale starebbe addirittura meditando di chiudere il libro prima della fine stagione, ritirandosi fra poche settimane dopo il GP d'Olanda sull'adorato tracciato di Assen dove quasi 4 anni fa, Rossi riuscì a cogliere l'ultima vittoria in MotoGP (25 giugno 2017). Una decisione scioccante e che rovinerebbe i piani sia per il team Petronas che della Dorna, che non avrebbe il modo di onorare il grande campione con il commiato e le celebrazioni che merita.
Gran Premio di Catalogna
Rossi: "Grande delusione: la moto vibrava e mi superavano tutti"
06/06/2021 A 16:52

Valentino Rossi sull'asfalto del Montmelo dopo la caduta nel GP di Catalogna

Credit Foto Getty Images

I timori di Petronas e quell'imminente matrimonio fra Ducati e VR46

Secondo le informazioni che rivela “El Periodico”, in Petronas nemmeno il top manager del team malese Razlan Razali è in grado di sapere con certezza cosa sta succedendo a Rossi e soprattutto chiedergli il perché di questi risultati così anonimi. Nella sua nuova squadra nessuno parla con il Dottore e soprattutto nessuno sa se ha una soluzione per risolvere i problemi che lo attanagliano e risalire la china. Una freddezza che per il quotidiano catalano non deriverebbe da una freddezza o da qualche frizione ma dal rispetto profondo che tutto il paddock ha per il mostro sacro della MotoGP nel mondo. A non far escludere apertamente questa eventualità secondo “El Periodico”, ci sarebbe anche l’imminente accordo che la VR46 firmerà con Ducati e farà diventare l’Academy del campione di Tavullia, una sorta di vero e proprio vivaio della casa di Borgo Panigale in cui far crescere i campioncini da portare in MotoGP. I vertici della casa del Diapason non avrebbero preso di buon occhio questa mossa di Rossi col suo entourage e i rapporti sarebbero tendenti al freddo... Staremo a vedere quello che accadrà di certo, ci attendono settimane tutt’altro che scontate e che potrebbero regalarci colpi di scena imprevedibili.

Bastianini: “Non avrei mai pensato di correre contro Rossi”

Gran Premio d'Olanda
Rossi: "Sarà difficile che io gareggi il prossimo anno"
14 ORE FA
Gran Premio d'Olanda
Marquez, Quartararo, Ducati, Rossi e il meteo: le 5 domande
16 ORE FA