Marc Marquez si è sottoposto al terzo intervento all’omero del braccio destro, fratturato lo scorso 19 luglio in occasione di una caduta nel GP di Spagna. Lo spagnolo era finito sotto i ferri in ben due occasioni durante l’estate: dopo il primo intervento aveva cercato di tornare in pista per il secondo Gran Premio dell’anno, ma aveva stressato la placca che si era rotta e lo aveva costretto a una seconda operazione a inizio agosto. Le terapie degli ultimi mesi non hanno risolto il problema e così il pluri Campione del Mondo di MotoGP è dovuro ritornare in clinica per la terza volta nel giro di sei mesi.

La Honda ha comunicato che “la placca che Marquez aveva nella spalla è stata rimossa e sostituita, è stato effettuato un innesto osseo da cresta iliaca con un lembo libero corticoperiostale“. A questo punto incomincerà un lungo periodo di riabilitazione e sembra già compromesso l’avvio del Mondiale MotoGP 2021.Quando rientrerà Marc Marquez e quali sono i suoi tempi di recupero? Secondo alcuni specialisti c’è la concreta possibilità che lo stop si prolunghi per addirittura sei mesi, dunque fino all’inizio di giugno. Rientrare già in forma per l’apertura del campionato (GP del Qatar il 28 marzo) appare estremamente complicato e anche sconsigliato, è meglio non forzare i tempi visto quanto è successo l’ultima volta a Jerez.

MotoGP
Mir: "Mi ispiro a Valentino Rossi, che sfida con Marquez"
18/11/2020 A 09:53

Lo spagnolo, come riporta la Gazzetta dello Sport, dovrà restare per tre mesi col braccio immobilizzato e poi per altri tre mesi dovrà seguire la riabilitazione. Appare dunque molto probabile che il 27enne dovrà rinunciare sostanzialmente alla prima parte del campionato, restando fuori dalla lotta per il titolo iridato anche nella prossima stagione. Gli specialisti avrebbero comunque confortato il centauro, dicendogli che il suo recupero fisico sarà completo. Definire una data del rientro in pista appare estremamente difficile e azzardato in questo momento, ma se si parla di sei mesi di recupero allora bisognerà necessariamente andare verso la fine della prossima primavera.

Il 30 maggio si correrà il GP d’Italia al Mugello, la settimana dopo ci sarà l’appuntamento di Barcellona, poi il 20 giugno il GP di Germania al Sachsenring. Potrebbero essere queste le gare del rientro del fuoriclasse iberico, sempre che non riesca a recuperare più velocemente. Le prime cinque gare dell’anno, però, sembrano essere bandite: GP del Qatar (28 marzo), GP d’Argentina (11 aprile), GP delle Americhe (18 aprile), GP di Spagna (2 maggio), GP di Francia (16 maggio) dovrebbero quasi sicuramente essere saltate da Marc Marquez, il quale potrebbe così essere costretto a rinviare al 2022 la corsa verso il nono titolo iridato della carriera.

stefano.villa@oasport.it

Dal braccio di Marquez all'amputazione di Bayliss: quando i piloti corrono contro il dolore

MotoGP
Marquez guarda al 2021: "Voglio tornare in pista"
10/11/2020 A 12:19
MotoGP
Marquez dall'ospedale: "Grazie a tutti per il supporto"
07/12/2020 A 10:30