Valentino Rossi non vuole mollare e lascia ancora aperta l’ipotesi di continuare a correre in MotoGP anche nel 2022, nonostante un avvio di stagione oltremodo negativo con la Yamaha Petronas. Il Dottore, in scadenza di contratto a fine 2021, valuterà insieme al team il da farsi durante la pausa estiva del campionato, prevista tra il GP d’Olanda e quello di Stiria.
Tra il 27 giugno ed il 6 agosto arriverà quindi la scelta definitiva sul suo futuro, che dipenderà specialmente dai risultati dei prossimi quattro Gran Premi in programma prima della sosta. Mugello (30 maggio), Barcellona (6 giugno), Sachsenring (20 giugno) e Assen (27 giugno).
Sono questi i circuiti in cui il nove volte campione iridato dovrà giocoforza ottenere dei riscontri importanti per trovare la motivazione necessaria per prolungare ulteriormente la sua avventura nel Motomondiale.
MotoGP
Chi è Jack Miller: l'australiano che fa sognare la Ducati
17/05/2021 ALLE 14:00
"Parlerò con Petronas e Yamaha a metà stagione, perché dopo nove gare ci sarà la pausa estiva e penso che deciderò il mio futuro proprio in quel periodo. Sarò contento se potrò correre anche nel 2022, ma prima ho bisogno di vedere i risultati per capire se posso essere competitivo. Perciò, in questo momento non posso promettere nulla, ma proverò a esserci anche nel 2022", ha dichiarato in un’intervista concessa al canale televisivo indonesiano Trans7.

Valentino Rossi, 42 anni di una leggenda non ancora sazia

Gran Premio d'Austria
Bagnaia, Quartararo, Aprilia e il mercato: le 5 domande prima del GP
IERI ALLE 19:17
Gran Premio d'Austria
GP d'Austria 2022: Orari diretta tv e Live-Streaming
15/08/2022 ALLE 12:48