Quando ho preso la decisione di fondare il team che porta il nome di Marco, la SIC58 Squadra Corse, Fausto Gresini è venuto da me dicendo che lui avrebbe voluto esserci.
Comincia in questo modo il ricordo di Fausto Gresini che Paolo Simoncelli ha affidato al microfono di Guido Meda e di Sky. I due, legati in maniera indissolubile dalla morte di Marco Simoncelli, avevano fatto società. Legati dall'amore per Marco, e dalla stessa ragione (Emilia-Romagna) erano diventati intimi. Due amici. Due fratelli.
"Fu Fausto a chiedermi di far parte del progetto, non parlando di percentuali o di partecipazioni societarie. Non gliene importava niente, ma voleva esserci. Per me e per la nostra famiglia è stato straordinario e indimenticabile".
MotoGP
Fausto Gresini, il cordoglio dei piloti: "Mancherai"
23/02/2021 A 15:31
embed: facebook paolo simoncelli
"Questa (ieri,ndr) è una giornata tristissima – ha proseguito Paolo. Parlando con la moglie di Fausto, dentro di me, avevo capito benissimo che la situazione era tragica. Questa è una malattia bastarda, terribile. Io stesso ho perso in pochi giorni due cugini: muori praticamente per una tosse, per un raffreddore, per una febbre. Non so cosa pensare e in questi casi, anche quando vado un po’ in crisi per il pensiero di Marco, c’è una parola che mi fornisce la forza di andare avanti e tirarmi su: vaffanculo! Ma vaffanculo, io vado avanti lo stesso. Scusatemi, ma è bestiale, la vita è strana, la vita è bella, la vita è tutto e regala momenti di grande gioia. Ma i momenti che fanno male, fanno male davvero", ha concluso Paolo con la voce strozzata e gli occhi gonfi di sofferenza.
MotoGP
Fausto Gresini, il Signore delle moto che vinceva in pista e ai box
23/02/2021 A 14:36
Gran Premio di San Marino
MotoGP, ci sarà il pubblico al Gran Premio di Misano
20 ORE FA