Dopo quel centesimo di troppo negli 800, Gregorio Paltrinieri si “riscatta” e vince i 1500 stile libero ai Campionati Italiani di nuoto in vasca lunga. Nello Stadio del Nuoto di Riccione il carpigiano si è imposto nella sua specialità preferita con il crono di 14:44.39 a precedere un ottimo Luca De Tullio (15:00.36), classe 2003, e Domenico Acerenza (15:00.65).
Greg, mettendo insieme un passo medio da 29.5 ogni 50 metri, ha trovato la velocità di crociera per raggiungere il traguardo iridato, considerando il limite FIN di 14:49.0. Un Paltrinieri che non può essere al 100% della forma, vista anche la sua attività in mare molto dispendiosa nel nuoto di fondo, che comunque un segnale l’ha voluto dare, figurando nella top-3 mondiale della specialità in questo 2022. Una graduatoria in cui il tedesco Lukas Martens comanda con 14:40.28, avendo espresso prestazioni notevolissime dai 200 ai 1500 sl. L’azzurro può ritenersi soddisfatto del risultato avendo interpretato questa manifestazione come parte di un percorso in cui poi si dovrà esprimere il meglio nella rassegna iridata e continentale, quest’ultima nell’affascinante piscina del Foro Italico di Roma. Da questo punto di vista, da sottolineare anche la prestazione di De Tullio che, dopo il 7:49.19 nuotato negli 800 sl, si è ripetuto, non abbattendo per poco la barriera dei 15′.
Nuoto
Trials USA: quarto sigillo di Dressel e Ledecky a Greensboro
01/05/2022 A 09:16
Lo stato di forma eccezionale lo si era notato già nella distanza doppia, quella olimpica. Niccolò Martinenghi fa la voce grossa anche nella vasca singola: sua la netta vittoria nei 50m rana ai Campionati Italiani assoluti di nuoto. Il classe 1999 trova il miglior tempo al mondo di quest’anno nuotando perfettamente: il suo 26”49 è un super crono, a soli 10 centesimi dal record italiano che già gli appartiene. Ovviamente pass per i Mondiali di Budapest conquistato per lui, ma anche per il secondo di oggi: un super Simone Cerasuolo, in piazza d’onore con il 26”85, prestazione monstre per il 18enne. A completare il podio troviamo il veterano Fabio Scozzoli, lontano dalla condizione migliore a causa di qualche problemino fisico: 27”20.
Missione compiuta per Benedetta Pilato ai Campionati italiani di nuoto 2022 in vasca lunga. Nella Finale dei 50 rana donne la classe 2005 si è aggiudicata la prova con il tempo di 29.85 a precedere Arianna Castiglioni (30.34) e Lisa Angiolini (31.02). Un peggioramento per la tarantina rispetto al fantastico 29.58 di questa mattina nelle batterie che l’ha proiettata in vetta al ranking mondiale 2022 della specialità. Tuttavia, visto il limite FIN di 30.20, Pilato si è ufficialmente qualificata per i Mondiali di Budapest e automaticamente anche per gli Europei di Roma. Pensando alle heat di stamane, una partenza imperfetta le ha fatto perdere qualche decimo di troppo, perché sulla parte nuotata è stata il solito spettacolo. Resta, comunque, la bontà della prestazione parlando di un riscontro sotto i 30″.

Pellegrini: "Doping e non solo, per cosa mi batterò al CIO"

Nuoto
La FINA sospende per 9 mesi l'oro olimpico Rylov perché pro Putin
22/04/2022 A 21:32
Nuoto
Fangio sigla il nuovo record italiano nei 200 rana in vasca corta
14/04/2022 A 15:45