La vittoria della resurrezione. Può sembrare una definizione un po’ esagerata, ma Benedetta Pilato è riuscita nel suo intento: vincere e tornare sui livelli che le sono più consoni. La giovane pugliese, classe 2005, ha vinto i 100 rana ai Campionati italiani di Riccione stabilendo il nuovo record italiano di categoria Cadetti in 1:05.70, migliorando il suo primato precedente e sfiorando quello assoluto di Arianna Castiglioni di appena 3 centesimi. Una gara approcciata in modo corretto: passaggio molto veloce ai 50 metri di 30.53 e ritorno in 35.17. Il tempo è decisamente buono e la colloca al quarto posto mondiale al momento, ma ancor più importante è la risposta che doveva a se stessa relativamente alle questioni legate al suo fisico e all’evoluzione che ha avuto. Non è un caso che l’azzurra abbia dedicato questo risultato al proprio nutrizionista.
Una finale dunque che ha visto in seconda posizione proprio Castiglioni (1:06.17) e per lei, come anche per Benny, c’è stato il pass per i Mondiali di Budapest (limite FIN 1:06.20) e anche per gli Europei di Roma. In terza piazza ha concluso Lisa Angiolini (1:06.82). Niente da fare, invece, per Martina Carraro, solo quinta in 1:07.78.
Nuoto
Trials USA: quarto sigillo di Dressel e Ledecky a Greensboro
01/05/2022 A 09:16

14 anni e non sentirli: la favola di Benedetta Pilato, medaglia mondiale azzurra più precoce

Nuoto
La FINA sospende per 9 mesi l'oro olimpico Rylov perché pro Putin
22/04/2022 A 21:32
Nuoto
Fangio sigla il nuovo record italiano nei 200 rana in vasca corta
14/04/2022 A 15:45