Itaia sempre protagonista agli Europei di nuoto di Roma. Nei 50 rana femminili, si ripete il risultato dei Mondiali: la padrona si conferma ancora Ruta Meilutyte davanti a Benedetta Pilato comunque d'argento. L’azzurra, titolare del record mondiale, ha dovuto arrendersi al cospetto della campionessa iridata di Budapest ancora una volta, non riuscendo a firmare la doppietta con la distanza doppia. Non si può dire che l’azzurra non abbia provato a contrastare la lituana, che con la semifinale di ieri si era imposta come favorita d’obbligo grazie al 29.44 registrato, a soli 14 centesimi dal record mondiale di Benedetta. Che è rimasta sempre in scia, provando l’attacco negli ultimi 10 metri, ma fermandosi sul 29.71, con la Meilutyte che si è imposta in 29.59: decisiva la miglior partenza della baltica.
Arianna Castiglioni ha chiuso al quarto posto, peggiorando progressivamente il suo crono. Aveva sorpreso in batteria, con il miglior tempo in 29.91; se la semifinale in 30.27 poteva sembrare un risparmio di energie, il 30.43 di oggi lascia intendere che forse Arianna ha sparato la migliore cartuccia ieri mattina. Il bronzo è dunque appannaggio per Imogen Clark in 30.31; dietro la Castiglioni la finlandesa Veera Kivirinta (30.86), la svedese Sophie Hansson (31.02), l’irlandese Mona McSharry (31.15) e la belga Florine Gaspard (31.46).
Stessa medaglia per un grandissimo Leonardo Deplano, strepitoso nei 50 stile libero. Meglio dell'azzurro classe 1999 ha fatto soltanto il britannico Benjamin Proud, di soltanto due centesimi. Sesto invece l’altro azzurro in gara Lorenzo Zazzeri. Deplano, bronzo mondiale giovanile nel 2017, ha staccato con il penultimo tempo di reazione (0.66), ma poi ha poi recuperato metri su metri agli avversari fino a chiudere con il record personale di 21”60.
Europei di Nuoto
Quando gareggia Paltrinieri? Calendario e dove vederlo in tv
18/08/2022 ALLE 12:35
Alberto Razzetti chiude proprio giro di medaglie a Roma. Dopo un oro ed un bronzo, il nativo di Lavagna si intasca anche un prezioso argento nei 200 misti, arrivando a soli 10 centesimi dal successo. Esulta il diciannovenne Hubert Kos in 1.57.72, mentre l’azzurro chiude ad 1.57.82. Al solito è la prima parte la gara più complessa per il ‘Razzo’; se nei primi 50 metri, grazie anche ad un ottimo tempo di reazione (0.59) riesce a tamponare al meglio virando al quarto posto, il suo tallone d’Achille del dorso si ripresenta appieno, scivolando a metà gara fino al sesto posto in 55.41. Ma è nella seconda parte che Alberto riesce a fare la differenza. Già nella rana l’azzurro riesce bracciata dopo bracciata a riportarsi sulla linea dei migliori, ma nella parte in stile libero rimonta in maniera furiosa, mettendosi alle spalle Gabriel Jose Lopes e Jeremy Desplanches mentre Hubert Kos in corsia cinque mette la freccia, con il suo 28.93 nell’ultima corsia che le basta per potersi fregiare dell’oro.
Ilaria Cusinato conquista un grandissimo bronzo nei 200 farfalla. Nella piscina del Foro Italico di Roma, la nativa di Cittadella si è resa protagonista di una grande prestazione che le ha permesso di chiudere alle spalle della bosniaca Lana Pudar e della danese Helena Rosendahl Bach. Ottava l’altra azzurra in gara Antonella Crispino. Cusinato ha gestito al meglio la sua prova: l’italiana ha virato ai 100 metri in seconda piazza, poi ha perso leggermente smalto, ma è riuscita a resistere al rientro della britannica Laura Kathleen e ha terminato in 2:07.77. Grazie a questo bronzo salgono a quota 32 le medaglie totali conquistate dall’Italia in questi Campionati Europei.
Dopo gli ori conquistati negli 800 e nei 1500, arriva un’altra medaglia per Simona Quadarella, argento nei 400 stile libero. Questa volta non è un oro, ma il risultato ottenuto è comunque di grandissimo spessore. Vince la gara la tedesca Isabel Marie Gose. Quadarella è partita senza forzare troppo e ha visto Gose prendere subito un piccolo margine di vantaggio. L’azzurra comunque non si è fatta prendere dal panico e proseguendo con il suo passo ha virato ai 300 metri in seconda posizione a poco più di 1”5 dalla tedesca. A questo punto la nativa di Roma ha provato una rimonta clamorosa, senza però riuscire nell’impresa. La classe 1998 ha così concluso la sua prova al secondo posto in 4:04.77 e ha portato a quota 34 le medaglie conquistate dall’Italia in questo sport in questi Campionati Europei.

CECCON PIGLIATUTTO: SEMIFINALE 100 DORSO E RECORD ITALIANO

Europei di Nuoto
Nuoto da record! Perché è un'Italia che punta dritto a Parigi 2024
18/08/2022 ALLE 10:47
Europei di Nuoto
Italia da impazzire, è oro anche nella 4x100 mista!
17/08/2022 ALLE 17:38