E' difficile trovare parole che ancora non siano state scritte su Federica Pellegrini. La Divina del nuoto italiano è un personaggio molto popolare e uno di quelli che dividono l'opinione pubblica. Sui social, poi, si toccano vette altissime e baratri deprimenti: chi la ama la venererà all'infinito, chi la odia non perde occasione per recapitarle insulti gratuiti nel miglior stile di "leone da tastiera".
Eppure Federica è così, sempre schietta e diretta, a volte con il filtro della diplomazia non inserito, con il risultato di essersi resa antipatica a qualcuno nel corso del tempo. Un atteggiamento che non tutti apprezzano e che in parte negli anni da parte della nuotatrice veneta è cambiato: cresciuta e maturata, ha imparato ad ammorbidire un po' le sue risposte a volte spigolose e a lasciar correre quando sui social il fango che le piove addosso diventa un po' troppo.
Tokyo 2020
Panziera in esclusiva: Tokyo, Pellegrini, matricola e amore
IERI A 12:29
Ma tutto questo perché succede? Perché quando sei un personaggio, se vinci diventi automaticamente antipatico. Lo disse anche la regina dello sci alpino Lindsey Vonn, mediaticamente esplosiva ma destinata nella vita privata a circondarsi di poche persone fidate.
Ebbene, Federica vince, lo ha dimostrato negli anni e ancora lo sta facendo. Classe 1988, ad agosto compirà 33 anni, che per il nuoto cominciano a essere un'età non semplice da gestire. E potrà festeggiare il suo compleanno dopo aver disputato la quinta olimpiade in carriera.
Un traguardo pazzesco, se si pensa che la sua prima apparizione fu ad Atene 2004, dove esordì con un argento (nei 200 sl), poi Pechino 2008 (oro nei 200 sl), Londra 2012 (quinta sia nei 200, sia nei 400) e Rio 2016 (quarta nei 200 sl con qualche rimpianto). E ora Tokyo 2020, 2021 sulla carta, con un anno di ritardo a causa del Covid, una malattia che ha fermato tutto il mondo, compresa lei.
Già, perchè Fede il coronavirus l'ha preso, stando anche abbastanza male, ma ne è uscita, seppur non senza fatica. Tra le difficoltà fisiche nella guarigione e quelle logistiche per potersi allenare, la Pellegrini agli Assoluti di Riccione ha strappato il pass olimpico per i 200 sl, rialzandosi ancora una volta come la fenice che ha tatuata sul corpo. Non sta a noi giudicare se sia davvero antipatica o no (anche perché vedendola impegnata nel programma TV Italia's Got Talent è sempre pronta a ridere e mettersi in gioco!), quello che bisogna considerare è che raramente lo sport italiano ha visto nascere un'atleta come lei.

Giochi da Ragazze: Federica Pellegrini in esclusiva su Eurosport

Tokyo 2020
-100 a Tokyo: Phelps fa la storia a Londra, tutte le sue medaglie
IERI A 11:21
Tokyo 2020
Panziera: “Non c'è niente di più stimolante di un'Olimpiade"
IERI A 10:07