Il nuotatore ungherese Tamas Kenderesi, che ha partecipato ai Mondiali in Corea del Sud, non può lasciare al momento il paese, a causa di un'accusa per presunte molestie sessuali. Lo ha riferito la polizia. L'atleta, medaglia di bronzo nei 200 farfalla ai Giochi di Rio, è stato trattenuto e interrogato per il crollo avvenuto in un night club a Gwangju.
Kenderesi è stato rilasciato e all'atleta è stato concesso di tornare al villaggio degli atleti. Ma non gli sarà permesso di lasciare il paese per i prossimi 10 giorni. La federnuoto ungherese ha dichiarato che "in collaborazione con l'ambasciata ungherese in Corea, sta facendo del suo meglio per chiarire le accuse contro Tamas Kenderesi". La federazione "condanna qualsiasi atto che viola la dignità umana e richiede che i membri della squadra nazionale di nuoto si comportino in modo rispettoso dei colori e delle tradizioni sportive nazionali". Kenderesi, secondo i media locali, ha respinto le accuse.
Mondiali
Nonna Rosa, la scuola e la passione per Jovanotti e CR7: Benedetta Pilato, campionessa di semplicità
01/08/2019 A 10:22
Mondiali
Da 0 a 10, il Pagellone dei Mondiali: Settebello fantastico, brillano le nostre stelle, flop Ledecky
29/07/2019 A 16:26
Mondiali
Quale medaglia dei Mondiali di nuoto vi ha emozionato di più?
29/07/2019 A 12:54