Ultima giornata di batterie nei Campionati Italiani di nuoto a Riccione, competizione valida per la qualificazione alle Olimpiadi di Tokyo. Una mattina in cui le prestazioni sono state degne di nota e vale la pena raccontarle
Si parte dalle heat dei 50 rana femminili. Benedetta Pilato ha subito spinto al mattino, sfiorando letteralmente il proprio primato italiano: 29″62 per la giovane pugliese a un centesimo dal record nazionale. Alle sue spalle le altre due grandi raniste del Bel Paese, ovvero Arianna Castiglioni (30″57) e Martina Carraro (30″70). In questa distanza (non olimpica), Pilato sembra avere una marcia in più e non è da escludere che nel pomeriggio ci possa regalare qualcosa di importante. Rimanendo al settore femminile, bene Sara Franceschi nei 200 misti: la toscana, dopo aver staccato il biglietto per Tokyo nella doppia distanza, ci riprova anche in questa e il crono al mattino di 2’15″14 in scioltezza è incoraggiante. Certo, servirà andar forte nel pomeriggio (2’11″0) per garantirsi il pass a Cinque Cerchi.
Tokyo 2020
Panziera in esclusiva: Tokyo, Pellegrini, matricola e amore
13/04/2021 A 12:29
Nei 50 farfalla femminili colpo di coda di Silvia Di Pietro che in 26″46 ha timbrato il cartellino a precedere Elena Di Liddo (26″59) e Costanza Cocconcelli (26″84). Sarà una bella finale. Pomeriggio nel quale assisteremo anche ai 1500 stile libero femminili con la sfida tra Simona Quadarella e Martina Caramignoli, con Barbara Pozzobon in vetta all’ordine dei tempi delle serie lente delle batterie (16’43″41).
Sul versante maschile sarà acqua bianca nei 50 dorso con la sfida tra Simone Sabbioni e Niccolò Bonacchi: 25″21 per il romagnolo nelle batterie a precedere di 13 centesimi Bonacchi nell’overall. Nei 50 delfino Thomas Ceccon si è riproposto in maniera convincente e con 23″51 si è aggiudicato le heat a precedere il primatista italiano Piero Codia (23″62). Osservato speciale, poi, nei 200 misti sarà Alberto Razzetti: l’atleta delle Fiamme Gialle – Genova Nuoto My Sport, dopo aver fatto piuttosto bene nei 200 delfino, vorrà porre il sigillo in questa prova, essendo il primatista italiano della distanza e avendo in mente di eguagliare quel record per staccare il biglietto per i Giochi. Razzetti è stato il migliore in 2’02″04 nelle heat del mattino. Grande attesa per i 1500 sl con Gregorio Paltrinieri in vasca. Appuntamento alle 17.30 per le finali.
Tokyo 2020
-100 a Tokyo: Phelps fa la storia a Londra, tutte le sue medaglie
13/04/2021 A 11:21
Tokyo 2020
Panziera: “Non c'è niente di più stimolante di un'Olimpiade"
13/04/2021 A 10:07