Simona Quadarella si conferma la regina del mezzofondo italiano e, dopo gli 800 metri di due giorni fa, trionfa anche nella Finale A dei 1500 stile libero ai Campionati Italiani Assoluti primaverili di nuoto 2022, in corso di svolgimento fino a mercoledì 13 aprile a Riccione.
La romana classe 1998 ha però centrato il vero grande obiettivo di giornata ottenendo un tempo sufficiente per la qualificazione ai prossimi Campionati Mondiali in vasca lunga. La campionessa d’Europa in carica ha infatti completato la sua prova in 15’59″32, scendendo sotto il muro dei 16 minuti che era stato fissato come tempo limite per il pass iridato su questa distanza.
Quadarella ha preso il comando delle operazioni fin dalla prima vasca e da quel momento ha imposto un ritmo insostenibile per le altre finaliste, allungando progressivamente con un passaggio a metà gara in 7’56″33 e con secondo 750 completato in 8’02″99.
Nuoto
Trials USA: quarto sigillo di Dressel e Ledecky a Greensboro
01/05/2022 A 09:16
Completano il podio nazionale a Riccione Martina Rita Caramignoli, seconda in 16’08″03, e Ginevra Taddeucci, terza in 16’20″39.

QUADARELLA: "LA MEDAGLIA È BELLISSIMA: ORA CI RIPROVERÒ""

Razzetti si impone nei 200

Alberto Razzetti timbra il cartellino nella Finale A dei 200 misti ai Campionati Italiani Assoluti primaverili di nuoto 2022 e si aggiudica il titolo nazionale in vasca lunga con un crono di 1’58″70, non riuscendo quindi ad ottenere il tempo limite (1’57″0) che valeva la qualificazione automatica per Mondiali ed Europei.
Il “Razzo” ha limato 3″ rispetto alle batterie del mattino, restando però abbastanza lontano dal suo record italiano (1’57″13) firmato proprio a Riccione dodici mesi fa durante la scorsa edizione della rassegna nazionale. L’azzurro classe 1999 ha tenuto il ritmo di Lorenzo Glessi nella prima vasca a delfino (in 25″44), per poi pagare dazio come di consueto nei secondi 50 metri a dorso (passaggio ai 100 in 56″44, sette decimi dietro al leader).
Nella seconda metà di gara Razzetti ha messo in scena una buona progressione, facendo la differenza soprattutto a rana (33″81 il parziale) prima di una chiusura in 28″45 a stile libero. Il primatista italiano di questa distanza ha preceduto all’arrivo Lorenzo Glessi, 2° in 2’00″54, e Pier Andrea Matteazzi, 3° in 2’00″91.

DA QUADARELLA A JACOBS: MEDAGLIE ED EMOZIONI DEL DAY 8

Nuoto
La FINA sospende per 9 mesi l'oro olimpico Rylov perché pro Putin
22/04/2022 A 21:32
Nuoto
Fangio sigla il nuovo record italiano nei 200 rana in vasca corta
14/04/2022 A 15:45