Dopo un 2020 devastato - sportivamente e non - dal Covid-19, stiamo ancora aspettando che si disputino i Giochi Olimpici estivi di Tokyo. Il 4 febbraio 2022, però, inizieranno i Giochi Olimpici invernali di Pechino, XXIV edizione, quindi manca esattamente un anno.

PyeongChang2018

Pechino 2022
Tutti giù per terra! Photo finish pazzesco nello ski cross a Sochi
15/11/2021 A 10:13
Noi non vediamo l'ora, anche perché la scorsa edizione, quella di PyeongChang 2018, ci ha regalato grandissime emozioni con i tre ori conquistati da Arianna Fontana (short track), Sofia Goggia (sci alpino) e Michela Moioli (snowboard), senza dimenticarci di tutti gli altri medagliati azzurri della spedizione, dall'argento di Federico Pellegrino e delle ragazze della staffetta dello short track alle medaglie di bronzo conquistate sempre da Fontana, Dominik Windisch (biathlon), Federica Brignone (sci alpino), Nicola Tumolero (pattinaggio di velocità) e infine la staffetta mista del biathlon.
Non possiamo dimenticarci poi di altri episodi mitici, come l'ennesima vittoria di Shaun White, "nonno" dell'half pipe in mezzo a tanti ragazzini, e della non-esultanza di Ester Ledecka, che al traguardo credeva che il suo tempo vincente sul cronometro del SuperG fosse sbagliato...
L'Italia si è piazzata 12esima nel medagliere quindi con 3 ori, 2 argenti e 5 bronzi, un bottino di 10 medaglie che a Pechino potrebbe vedere un miglioramento, viste le condizioni di forma particolarmente buone di alcuni dei nostri atleti.

Si ritorna a Pechino

I Giochi Olimpici stanno vivendo una parentesi lontana dall'Europa: l'ultima edizione nel Vecchio Continente fu quella invernale di Sochi 2014 (Russia). Poi ci si trasferì a Rio de Janeiro (Brasile) nel 2016, come già detto ci si è poi spostati a PyeongChang (Corea del Sud) nel 2018 e attendiamo l'edizione "reload" del Giappone quest'estate. Poi ci si sposterà appunto in Cina, a Pechino, dove i Giochi furono già organizzati nel 2008. di quell'edizione (estiva) ricordiamo l'organizzazione meticolosa, una cerimonia d'apertura scenografica come poche sia prima, sia dopo di lei, e anche qualche polemica legata all'inquinamento dell'aria e delle difficoltà associate agli sport di strada come ciclismo, marcia e maratona, dove gli atleti respirarono molto smog con tassi di umidità altissimi, rendendo le loro gare particolarmente faticose.

Stadio Nido d'Uccello

Credit Foto LaPresse

Questa volta, però, sarà diverso. Pechino è la sede ufficiale delle cerimonie (nello splendido stadio Nido d'Uccello già amato nel 2008) e di tutti gli sport da palazzetto (tra i quali rivedremo anche lo scenografico Water Cube), oltre che del big air; a Yanqing, polo montano più a nord, c'è la pista per bob, slittino e skeleton e si disputeranno le ggare di sci alpino; infine, a Nordovest, nella zona di Chongli, ci sono lo stadio del biathlon, quello dello sci di fondo, i trampolini per il salto con gli sci e la combinata nordica, e infine lo snowpark per tutte le altre discipline di snowboard e sci freestyle. Insomma zone più lontane dall'inquinamento.

Eurosport sempre con voi

L'attesa sale, il conto alla rovescia parte. E come sempre, Eurosport sarà broadcaster televisivo ufficiale della manifestazione (così come per Tokyo 2020) e potrete godervi tutta l'offerta live e on demand sulle piattaforme Eurosport. Stay tuned!
Pechino 2022
Mai mollare! Alcune grandi rimonte alle Olimpiadi invernali
10/11/2021 A 14:06
Pechino 2022
Maze-Gisin al centesimo! Un oro per due in discesa a Sochi
10/11/2021 A 13:55