All’inizio di questa settimana è stata pubblicata la prima edizione del Playbook, il documento che contiene tutte le linee guida da seguire per garantire la massima sicurezza alle Olimpiadi e Paralimpiadi di Tokyo 2021. Un vero e proprio vademecum creato in collaborazione da CIO, IPC e dal Comitato Organizzatore dei Giochi Olimpici nel quale vi saranno una serie di regole da seguire ed i comportamenti da tenere per prevenire la problematica rappresentata dal Covid-19.
Ebbene, stando a quanto riportato da thesun.co.uk, se un atleta dovesse risultare positivo al Coronavirus in un controllo allora verrebbe immediatamente estromesso dalla competizione, portandolo alla sua quarantena. A seconda dei sintomi potrà cambiare il luogo di isolamento e non sarà certamente il villaggio olimpico.
I protagonisti delle gare e lo staff dovranno monitorare la propria temperatura per 14 giorni prima di recarsi in terra nipponica. Si parla anche di evitare grida e cori nel tifo, suggerendo applausi semplici ai propri compatrioti. Ciò potrebbe far pensare che non si possa cantare il proprio inno nazionale, ma a tal proposito non c’è stato un veto dall’organizzazione. Non resta che attendere anche le decisioni in merito alla presenza o meno del pubblico, ma la sensazione è che si vada verso una rassegna a Cinque Cerchi a porte chiuse, tenuto conto delle regole che tutti dovranno rispettare.
Tokyo 2020
Barelli, appello a Draghi: "Bisogna vaccinare gli atleti azzurri"
05/03/2021 A 19:49

L'inno è salvo: cantiamo insieme "Fratelli d'Italia"

Tokyo 2020
Bolla nel villaggio olimpico per la cerimonia d’apertura
23/02/2021 A 14:33
Tokyo 2020
Mancano 150 giorni a Tokyo 2020, tra speranze e incertezze
23/02/2021 A 10:17