Dopo la cerimonia di riconsegna della bandiera al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, andata in scena nel tardo pomeriggio al Quirinale, i medagliati olimpici e paralimpici italiani di Tokyo 2020 sono stati ricevuti a Palazzo Chigi dal Presidente del Consiglio Mario Draghi che nel corso del suo discorso agli atleti azzurri ha posto l'eco sulla straordinaria estate italiana.
Siete un modello per tutti gli italiani. Vedo in voi la generazione che vuole cambiare l’Italia. E ci riuscirà, e ci riuscirete. Il resto del mondo ci guarda con un pizzico di ammirazione e anche con un pizzico di invidia. Noi dobbiamo mettere in condizione voi e i vostri coetanei di sprigionare tutte le vostre energie".
Tokyo 2020
Mattarella agli atleti di Tokyo: "Avete emozionato l'Italia"
23/09/2021 A 17:36

"Il siparietto con Jacobs? Colpa di Malagò"

Durante l'incontro con gli atleti medagliati alle Olimpiadi e Paralimpiadi di Tokyo 2020, il premier Draghi si è rivolto all'oro nei 100 metri Marcell Jacobs spiegando il celebre siparietto della telefonata in diretta tv. "Voglio precisare che non volevo interrompere la tua conferenza stampa. E' stato Malagò", scherza Draghi che poi assicura: "Comunque sono stato contentissimo di sentirti''.

"Qui vedo la generazione che può cambiare l'Italia"

Il Primo Ministro italiano ha poi ripercorso alcune tappe della magica estate dello sport tricolore in Giappone:
“L’Italia va veloce e quando salta, vola. Penso ovviamente al nostro Gianmarco Tamberi. Ma sono molte altre le discipline in cui vi siete distinti. Dal sollevamento pesi alle Farfalle” della ginnastica ritmica. Pugilato, judo, karate, taekwondo e lotta libera. Nuoto, canoa, canottaggio e vela. Scherma, tiro a volo e tiro con l’arco. Ginnastica artistica, ciclismo, equitazione. Triathlon e tennistavolo". "Mai nella storia l’Italia aveva avuto delegazioni così numerose – quasi 500 atleti in totale, di cui la metà donne. Segno di un mondo dello sport vario, vivo e vincente"

Italia da urlo! Tutte le medaglie in 170 secondi

In seguito Draghi ha citato due grandi protagonisti delle Paralimpiadi come Stefano Raimondi, che “è salito sul podio sette volte dopo un incidente a 15 anni“, oltre alla portabandiera Bebe Vio, “che ha vissuto momenti drammatici prima di confermarsi nella scherma“. Il Presidente Draghi ha citato anche il record di partecipazione della rappresentativa azzurra a Tokyo 2020 e la nostra spedizione come simbolo di integrazione: Il nostro sport è vario, vivo, vincente. Spesso quando parliamo di futuro è facile perdersi in concetti astratti. Qui vedo la generazione che vuole cambiare l’Italia. E che, ne sono certo, ci riuscirà. Siete simboli di integrazione e di superamento delle barriere. Tocca a noi come Governo mettere in grado voi e i vostri coetanei di sprigionare le vostre energie. Perché, come abbiamo visto, possono portare a grandi soddisfazioni per il Paese".

Jacobs re dei 100: il suo oro in tutte le lingue del mondo

Pechino 2022
Malagò: “I Giochi di Pechino si faranno di sicuro”
14/09/2021 A 15:17
Tokyo 2020
Malagò: "Risultato non inaspettato a Tokyo, contesto il ranking"
27/09/2021 A 15:58