Nessun piano B. Thomas Bach, presidente del Cio, assicura che i Giochi di Tokyo si faranno dopo lo slittamento di un anno causa pandemia, nonostante i dubbi crescenti delle ultime settimane, a partire da quelli del ministro delle Riforme amministrative giapponese, Taro Kono, che aveva suggerito al Comitato olimpico di iniziare a pensare a delle alternative. Ecco le parole di Bach a Kyodo News:

"Al momento non c'è ragione per credere che i Giochi non si apriranno il prossimo 23 luglio nello stadio Olimpico di Tokyo. Per questo non c'è alcun piano B e per questo siamo pienamente concentrati perchè siano dei Giochi sicuri e di successo. Capienza ridotta negli impianti? Può non piacere ma dei sacrifici saranno necessari. E' per questo che dico che la sicurezza viene al primo posto e che non ci devono essere argomenti tabù quando c'è la sicurezza di mezzo".

Tokyo 2020
Italia a Tokyo senza simboli? Ecco la spiegazione
20/01/2021 A 09:47

Una decisione finale a riguardo dovrebbe essere presa in primavera anche se, ha ricordato Bach, "rispetto a un anno fa il mondo è più attrezzato contro l'emergenza Coronavirus". Le parole del presidente del Cio, che prevede di recarsi in Giappone a maggio, quando il percorso della torcia olimpica farà tappa a Hiroshima, si sommano a quelle pronunciate nei giorni scorsi dal premier Yoshihide Suga, che ha indicato nei Giochi dell'estate prossima "la prova che l'umanità ha sconfitto il Coronavirus", quasi a spazzare via le paure di un Paese che ha visto crescere i contagi negli ultimi giorni, tanto che diverse zone sono tornate in stato d'emergenza, mentre un recente sondaggio ha mostrato che l'80% della popolazione locale preferirebbe una cancellazione o un ulteriore rinvio della rassegna a cinque cerchi.

Tokyo 2020
Egonu: "A Tokyo vorrei vivere un'esperienza unica"
16/01/2021 A 11:06
Tokyo 2020
Bolla nel villaggio olimpico per la cerimonia d’apertura
23/02/2021 A 14:33