La partenza della 32esima edizione dei Giochi Olimpici di Tokyo è prevista per il 23 luglio 2021. Tuttavia, le ultime dichiarazioni rilasciate al quotidiano Nikkan Sports dal presidente del comitato organizzatore Yoshiro Mori, fanno intravedere qualche incertezza. Secondo Yoshiro Mori infatti, il pericolo che l’emergenza Covid-19 non sia debellata in tutti i paesi partecipanti entro la data prevista per l’inizio delle Olimpiadi, è reale. Non dovessero presentarsi le condizioni di sicurezza necessarie ad avviare l’evento, un ulteriore rinvio sarebbe improbabile. Questa preoccupazione sorge da una constatazione ovvia, ovvero che i Giochi Olimpici siano una competizione di estensione globale, capace di raccogliere atleti provenienti da tutto il mondo.

Yoshiro Mori

Credit Foto Getty Images

Tokyo 2020
Governo giapponese e CIO allo scontro: manca l'intesa per le spese del rinvio di Tokyo 2020
25/04/2020 A 09:29

Il presidente del comitato organizzativo ha dichiarato:

I Giochi non potranno essere posticipati oltre il prossimo anno, se il mondo fosse ancora alle prese con il Covid-19 sarebbero cancellati definitivamente.

Mori ha fatto notare che i Giochi sono stati cancellati solo nel 1940, a causa della Seconda Guerra Mondiale. Il paese organizzatore, al tempo, era proprio il Giappone. Mori paragona la battaglia contro il Coronavirus a una battaglia “contro un nemico invisibile”.

Nel caso in cui il mondo intero dovesse sconfiggere l'epidemia, allora Mori non ha dubbi: “allora i Giochi Olimpici si svolgeranno la prossima estate. L’umanità spera in questo.”

Premier giapponese: “Olimpiadi nel 2021 prova della vittoria degli uomini contro il coronavirus”

Giochi Olimpici
Villaggio Olimpico Tokyo 2020, i senzatetto ne richiedono l’utilizzo per proteggersi dal Coronavirus
18/04/2020 A 07:11
Tokyo 2020
Federica Pellegrini: "Tokyo 2020, rinvio giusto. Stavamo vivendo nell'incertezza"
29/03/2020 A 21:29