A soli 19 anni d'età, l'occasione della titolarità nel ruolo di libero in un club storico quale l'Itas Trentino. Gabriele Laurenzano ha tutte le carte in regola per emergere tra i migliori interpreti della specialità, essendo dotato di un talento fuori dal comune e di una grande mentalità, come mostrato nell'ultima Superlega giocata con la maglia della Gioiella Prisma Taranto. Per i prossimi tre anni, salvo accordi diversi, sarà il titolare nel roster gialloblù a disposizione di coach Lorenzetti, andando a sostituire Julian Zenger e a prendersi la maglia numero 13 che già un altro grande libero italiano aveva indossato: Massimo Colaci.
"Nel dare un benvenuto a Gabriele voglio inviare un abbraccio a Julian Zenger. Assieme a lui abbiamo vissuto un’annata positiva, ma sapevamo già da tempo che per quella successiva ci saremmo orientati su un profilo italiano per questo ruolo e il nome di Laurenzano era il primo della lista - queste le dichiarazioni di coach Lorenzetti a margine della firma del nuovo giocatore dell'Itas - La Società è stata brava ad assicurarselo, Gabriele era infatti appetito da molti Club. Lo abbiamo scelto perché ha talento e perché vogliamo inserire un tassello importante e definitivo in questo ruolo". A differenza del recente passato, il club gialloblù ha così deciso di puntare su un profilo italiano di prospettiva quale libero titolare, visto che Laurenzano è stato il 3° nel ruolo per ricezione perfetta (35%) su 410 palloni ricevuti. Nelle statistiche vanno però considerate anche le 148 ricezioni negative, un dato comunque buono per un libero di soli 19 anni (12 giugno 2003).

Kaziyski: "Trento è casa mia, voglio la Champions e continuo"

CEV Champions League
Dzavoronok è il nuovo schiacciatore dell'Itas Trentino
16/06/2022 A 11:14
"Laurenzano è un ragazzo giovane e tutto ciò significa che quel talento dimostrato fino ad ora dovrà dirigerlo correttamente per trovare pienamente il suo stile. Trento per lui sarà un momento di crescita, non solo a livello tecnico e tattico ma anche relazionale, perché inserirsi ed essere protagonisti in questo club è una esperienza differente da quelle che ha sin qui vissuto. Siamo ansiosi di vederlo calato in questa realtà", prosegue coach Lorenzetti. Numeri alla mano, l'investimento è importante per l'Itas Trentino, ma le potenzialità di guadagno sono davvero alte. Peraltro, Laurenzano ha come idolo sportivo Jenia Grebennikov, un giocatore che i tifosi gialloblù non hanno mai dimenticato e che sembrava potesse tornare a Trento secondo alcuni rumor di mercato emersi dopo le Super Finals di CEV Champions League.

Lorenzetti: "Curiosità e talento diffuso nostri punti di forza"

CEV Champions League
Trentino rinnova col Potke: Podrascanin ancora gialloblù
30/05/2022 A 10:08
CEV Champions League
Highlights Super Finals: Trentino-ZAKSA 0-3
25/05/2022 A 10:42