L'Italvolley femminile è reduce da una meravigliosa affermazione nella Volleyball Nations League 2022. Il 3-0 rifilato al Brasile nella finale per l'oro è ricordo ancora vivissimo nelle menti degli appassionati, non solo di Pallavolo bensì di Sport. Per le Azzurre però non c'è tempo utile a crogiolarsi nel successo, dal momento che il gruppo della Nazionale è già tornato al lavoro per preparare i prossimi Mondiali. Nella rassegna iridata, l'Italia partirà ovviamente tra le favorite, ma la concorrenza sarà agguerritissima.
Brasile, Cina, Serbia, Stati Uniti e Turchia sono la avversarie più accreditate, senza considerare che potrebbero non mancare sorprese. Coach Davide Mazzanti, ai microfoni del collega Gian Luca Pasini, ha raccontato il modo in cui le Azzurre si stanno avvicinando al prossimo torneo mondiale, svelando anche alcune vere e proprie chicche a livello tecnico tattico. "Tante squadre cambiano il loro modo di murare e difendere quando affrontano l'Italia, perché il talento di Egonu non è mai facile da contenere, così per l'Italia è quasi naturale sovraccaricare Paola. Ci stiamo preparando molto su questo e abbiamo già cercato di cambiare qualcosa".

Intervista doppia De Gennaro-Sylla: "Siamo una squadra umile"

Pallavolo
Egonu: "Non mi pesa il personaggio, conta solo fare bene per l'Italia"
19/07/2022 ALLE 09:59

Sul potenziale ciclo vincente aperto dalle Azzurre

"Credo tantissimo in questa squadra. Più che un ciclo, dobbiamo pensare a questo percorso perché abbiamo cercato di mettere un'autoesigenza tale da poter essere noi i primi a voler sempre migliorare e porci come obiettivo del miglioramento stesso. Questo è il modo per aprire un percorso importante, se poi sarà un ciclo vincente dipenderà da tanti fattori, specie dalle altre nazionali. Dobbiamo essere golosi, perché la fame ce l'hai quando devi rubare qualcosa ad altri, mentre ora dobbiamo guardare a noi stessi ed essere golosi di ciò che già abbiamo e gelosi di quanto abbiamo costruito finora".

Sull'Italia favorita verso il Mondiale

"L'idea dell'essere favoriti è un qualcosa che dà ancora più valore a quello che facciamo. Quando si è favoriti, gli altri ti guardano in un modo speciale e non ti regaleranno nulla. Tutto ciò che ci siamo presi ce lo siamo conquistati, perché a volte sembra che quando si ottengono le cose sia tutto scontato. Dobbiamo ricordarci di non perdere il valore di ciò che facciamo, specie quando gli altri vogliono togliercelo. A noi interessa solo togliere spazio agli avversari, perché fin dall'inizio siamo sempre stati centrati su noi stessi".

Egonu devastante col VakifBank: ecco i suoi punti più belli

Sul "nuovo" ruolo delle centrali

"In VNL abbiamo avuto un cambio palla con indice altissimo e abbiamo avuto una pressione in battuta migliore del solito. Sulla base sette avversaria, il nostro muro-difesa funziona veramente tanto; penso che gli altri potrebbero allora attaccarci in un altro modo e quindi ci stiamo preparando a un cambio di tendenze. I nostri numeri sono costanti in tutte le fasi, ci sono soltanto alcuni dettagli che vanno migliorati. Le centrali potranno andare sempre più verso lo stile maschile, arretrando di più specie in ricezione perché sulle variazioni in battuta avversarie il centrale deve avere un ruolo più importante sulla linea di ricezione e deve aumentare il suo spazio di competenza. Siamo più equilibrati nella distribuzione, anche in fase di contrattacco. Ci sono basi che le nostre centrali giocano già benissimo e altre che, dopo averle provate in allenamento durante la VNL, vogliamo aggiungere in ottica Mondiale ".
Pallavolo
Italia, ora sei grande! Quanto talento tra le Azzurre
18/07/2022 ALLE 10:47
Pallavolo
Paola Egonu è la più forte pallavolista al mondo
24/05/2022 ALLE 09:19