Il termine dominio forse non basta per spiegare la vittoria dell’Imoco Conegliano sull’Igor Gorgonzola Novara in gara-1 dei play-off scudetto. Sicure, efficaci in attacco, battuta e soprattutto a muro, le venete conducono dal primo all’ultimo punto di un match a senso unico, soffrendo il gioco farraginoso di Novara soltanto in avvio di terzo set ma senza mai dare l’impressione di poter mollare le redini dell’incontro, e vincendo con un inevitabile 3-0 al Pala Igor Gorgonzola.

L’Imoco ha messo la museruola per un set e mezzo a Egonu (troppi gli errori dell’opposto azzurro nella prima parte) e ha tolto così tante certezze ad un Novara che deve fare i conti con la scarsa efficacia delle sue bande (Bartsch discreta, Plak semi-disastrosa, Piccinini incapace di cambiare la partita) e le scelte approssimativa dell’alzatrice Carlini, poco supportata, è vero, dalla ricezione ma anche poco precisa in palleggio. Di certezze, invece, Conegliano ne ha tante, da Fabris, che vince il duello a distanza con colei che la sostituirà nella prossima stagione (Egonu), a De Kruijf, migliore in campo, con il 90% in attacco e una prova sontuosa a muro, passando per Sylla, Danesi e Hill che il loro apporto lo danno sempre, fino ad arrivare ad una impeccabile Wolosz e ad una onnipresente De Gennaro in difesa e ricezione.

Serie A1 femminile
Conegliano travolge Brescia e resta in testa
11/10/2020 A 18:57

Squadre annunciate in avvio ma l’equilibrio dura ben poco perchè Egonu commette tre errori a fila in attacco e lancia la fuga di Conegliano (10-5). Novara prova a restare agganciata al set e tiene il cambio palla fino al 15-10 grazie soprattutto a Bartsch. Qualche errore di troppo anche in difesa per le padrone di casa permettono alla squadra ospite di prendere il largo (20-10) e di vincere senza problemi con il punteggio di 25-15 con il primo tempo di De Kruijf a chiudere il set.

In avvio di secondo parziale, sulle ali dell’entusiasmo, Conegliano vola sul 3-0 ma l’Igor Gorgonzola reagisce e pareggia il conto a quota 5. Si procede sull’equilibrio fino al 9-10, poi Conegliano prende di nuovo il largo. Le venete fanno leva sul muro (Wolosz) e sulle pipe di Fabris e Hill per portarsi sul 15-12. Le padrone di casa restano in scia fino al 18-16, poi mollano la presa, prima con l’ace di Fabris e poi con il doppio muro di De Kruijf, autentica mattatrice del finale di set che premia l’Imoco: 25-20.

In avvio di terzo set sembra cambiare la partita. Barbolini punta su Camera in regia e Piccinini in banda, Egonu prova ad alzare il ritmo e Novara resta avanti fino al 12-11, poi due ace di Danesi prima e Fabris poi sono il segnale dello show di Conegliano che cambia marcia e lascia sul posto una Novara annichilita e fallosa che subisce un break di 3-14 e alza bandiera bianca di fronte ad un Conegliano straripante: 25-15. Appuntamento a sabato sera (20.30) a Villorba per gara-2, la prima di due sfide nel palasport veneto.

Serie A1 femminile
Ufficiale, Francesca Piccinini ancora a Busto: "Non avrei lasciato incompiuto questo cammino"
20/06/2020 A 08:19
Serie A1 femminile
Francesca Piccinini ancora in campo a 41 anni: rinnovato il contratto con Busto Arsizio
12/06/2020 A 14:44