Dopo i trionfali Mondiali maschili - e con quelli femminili ancora in corso d'opera - è di nuovo tempo di Superlega per la Pallavolo italiana. Nei due anticipi del 1° turno maturano un risultato atteso, ovverosia la vittoria dei campioni d'Italia in carica della Cucine Lube Civitanova, e un'autentica sorpresa, con la Valsa Group Modena di coach Giani che cade al tie-break sul taraflex della Kioene Arena di Padova. La Lube di Gianlorenzo Blengini espugna infatti 3-0 (25-23; 25-23; 25-21) il PalaMazzola di Taranto con un inedito 6+1, visto che Ivan Zaytsev ritorna a fare lo schiacciatore-ricevitore (19 ricezioni, col 53% di eccellenza) lasciando il posto 2 a Gabi Garcia Fernandez.
Lo "Zar" chiude con 10 punti (42% di eccellenza in attacco) e tiene bene anche in seconda linea, sostituendo al meglio l'assente Marlon Yant Herrera - il cubano non è ancora al meglio - e alternandosi in posto 4 con un ottimo Mattia Bottolo (8 punti, 40% di eccellenza in ricezione e 50% in attacco). La Gioiella Prisma Taranto, allenata da Vincenzo Di Pinto, si affida soprattutto ai colpi di Tommaso Stefani (13 punti col 57%) e alla versatilità di Oleg Antonov, obbligando i cucinieri a set combattuti e decisi, anche e soprattutto, dalla classe in regia dell'eterno Luciano De Cecco oltre che dal buon rendimento, specie dai nove metri (2 ace), del giovanissimo bulgaro Aleksandar Nikolov.
CEV Champions League uomini
🏐 CEV Champions League 2022-23: le indicazioni della 3ª giornata
5 ORE FA
Modena comincia invece con un k.o. questo campionato, perdendo 11-15 il tie-break contro la Pallavolo Padova di coach Jacopo Cuttini. La squadra di casa sfrutta appieno la grande serata della coppia formata da Dusan Petkovic (27 punti, col 52% di eccellenza in attacco) e Ran Takahashi, uno dei più iconici pallavolisti giapponesi, capace di chiudere con 17 punti (57%) e di tenere ottimi standard anche in seconda linea (69% di ricezione positiva). I canarini non riescono invece a lavorare bene a muro - soltanto 3 realizzati, 2 dei quali a opera di un Tommaso Rinaldi molto discontinuo in posto 4 (29% in attacco) - e soffrono tremendamente la correlazione muro-difesa di Padova (14 muri-punto), oltre a regalare un set agli avversari con gli errori dai nove metri (25). Così così la prima dell'opposto turco Adis Lagumdzija, fermato a 19 punti col 45% in attacco (6 murate subite).

Giannelli: "Ecco la mia Italia. Ai Mondiali umili e determinati"

Pallavolo
Modena supera 3-0 Izmir, Piacenza surclassa 3-1 il Fenerbahce
IERI ALLE 09:43
CEV Champions League uomini
Highlights: Roeselare-Civitanova 1-3
IERI ALLE 22:28