Ivan Zaytsev si è trasferito in Russia all’inizio di questa stagione e sta giocando con la casacca del Kuzbass Kemerovo. Lo Zar si sta distinguendo in campionato, dove sta segnando a raffica con una certa costanza e la squadra è seconda in classifica generale, in un’annata agonistica condizionata dai tanti rinvii dovuti al Covid-19. L’opposto della nostra Nazionale sarà protagonista settimana prossima in Champions League: gli Orsi incroceranno Modena, fino alla passata stagione squadra dell’azzurro, in un match determinante per le sorti della massima competizione europea. Ivan Zaytsev ha parlato della sua avventura in Russia in un’intervista concessa a Il Giorno: “Mi trattano molto bene. Io ho anche la nazionalità russa, anche se sono nato a Spoleto. La scelta della mia quadra è stata precisa: volevano giocatori in grado di capire le istruzioni dell’allenatore Verbov, in modo preciso. Anche l’altro strraniero Krsmanovic è già stato qui diverse stagioni. E quindi non ci sono problemi a comprendere le istruzioni del tecnico. Siamo secondi in campionato, di sicuro arriveremo trra le prime tre. Davanti c’è Kazan, dietro al momento Mosca. Ma è difficile leggere la classifica, ci sono molte differenze nel numero di partite giocate: abbiamo avuto intere squadre in isolamento, quindi alcune partite sono da recuperare per quel motivo“.

Pallavolo
Zaytsev: "A Parigi 2024 nel beach? Sarebbe bello, ma ora non si può giocare, però gli aperitivi sì"
05/07/2020 A 08:03

Il 32enne risponde anche alla domanda se ha preso il Covid:Penso proprio di sì perché sono pieno di anticorpi, anche se ho avuto sempre tamponi negativi e non mi sono accorto di niente. Ripensandoci adesso potrebbe essere successo all’inizio della preparazione, ho avuto un paio di giorni non brillanti“. E prosegue: “Ora che sono lontano, ma avendo ancora la famiglia a Modena, mi sto rendendo conto chein Italia la pressione psicologica è davvero molto pesante. Forse anche esagerata. Qui si sente meno e c’è una specie di fatalismo, una immunità di gregge…mentale: tutti sono convinti che prima o poi ci dovranno passare e forse per questo riescono a preoccuparsi di meno“.

Ivan Zaytsev si sta preparando in vista delle Olimpiadi di Tokyo, rinviate alla prossima estate a causa dell’emergenza sanitaria. L’Italia si presenterà dopo aver vinto l’argento a Rio 2016, anche se lo Zar e Osmany Juantorena avranno un anno in più: “Ma Osmany ha fibre muscolari talmente buone che potrà giocare fino a cinquant’anni. Di sicuro invecchia più lentamente di me. Penso che il rinvio di Tokyo per noi possa essere un’opportunità, eravamo un po’ indietro col ricambio generazionale, in questo campionato molti giovani hanno l’opportunità di giocare e fare esperienza. Non so se saremmo stati competitivi ai massimi livelli nel 2020, magari così ci avvicineremo di più“.

E su un possibile ritorno a Modena: “Io me lo auguro. Dopo questa stagione ho ancora due anni di contratto con la Leo Shoes e vorrei tornaer. Ma dipende da troppe cose, adesso è impossibile prevedere il futuro, con tutto quello che è successo. A Modena tornerò sicuramente a febbraio, per giocare la Champions nella bolla del PalaPanini. E poi ad aprile, a fine campionato“.

stefano.villa@oasport.it

Zaytsev e l'Italvolley fanno sognare l'Italia: si va a Tokyo 2020 per coronare un sogno

Pallavolo
Zaytsev è un giocatore del Kuzbass Kemerovo, ora è ufficiale: lo Zar vola in Russia
01/06/2020 A 13:14
SuperLega
I migliori realizzatori italiani della Superlega 2020: Zaytsev davanti a Kooy, rivelazione Lavia
12/05/2020 A 21:41