L'Italia si presenta ai Giochi Paralimpici di Tokyo 2020 con enormi ambizioni, forte anche di moltissimi autentici fenomeni in diversi sport. A Rio de Janeiro 2016 fu nono posto nel medagliere, grazie a ben 39 medaglie (10 ori, 14 argenti e 15 bronzi). Quella tricolore è la spedizione col maggior numero di atleti nella storia dei Giochi, pertanto gli atleti della delegazione azzurra presenti a Tokyo 2020 sono complessivamente 115: 52 uomini e 63 donne. La prima giornata ha già regalato all'Italia ben 5 medaglie, tutte provenienti dalla piscina del Tokyo Aquatics Center.

TOKYO 2020: TUTTE LE MEDAGLIE DELL'ITALIA

FRANCESCO BETTELLA BRONZO - NUOTO, 100 DORSO CLASSE S1
Tokyo 2020
Italia, il primo oro è di Carlotta Gilli. E fa festa anche Berra
25/08/2021 A 11:04
Uno dei nuotatori più esperti della spedizione azzurra si mette al collo un pesantissimo bronzo, con una grande prova (2:32:08) alle spalle dell’israeliano Iyad Shalabi, oro, e di Anton Kol (Ucraina), argento.
CARLOTTA GILLI ORO - NUOTO, 100 DELFINO CLASSE S13
Spaziale. Questo è l'unico aggettivo per descrivere la prova di Gilli, medaglia d'oro mai in discussione. Una dimostrazione di forza impressionante, impreziosita dal risultato della compagna Berra.

Carlotta Gilli e Alessia Berra cantano l'inno sul gradino più alto del podio, Paralimpiadi Tokyo 2020, Getty Images

Credit Foto Getty Images

ALESSIA BERRA ARGENTO - NUOTO, 100 DELFINO CLASSE S13
Se Gilli era attesa da tutti noi, Alessia Berra è la più bella sorpresa della prima giornata. Rimonta veemente nella seconda vasca e argento paralimpico meritatissimo, anche se la nuotatrice azzurra continua a non credere sia vero.
FRANCESCO BOCCIARDO ORO - NUOTO, 200 STILE LIBERO CLASSE S5
Altra prestazione individuale mostruosa e altro oro brillantissimo per l'Italia. Bocciardo non ha avversari nella finale dei 200 stile S5 e rifila quasi 9 secondi a un avversario tanto temuto quanto rimesso al proprio posto. 2:26.76, nuovo record paralimpico.

Francesco Bocciardo festeggia con l'oro, Paralimpiadi Tokyo 2020, Getty Images

Credit Foto Getty Images

MONICA BOGGIONI BRONZO - NUOTO, 200 STILE LIBERO CLASSE S5
La stessa specialità di Bocciardo regala gioie anche per Monica Boggioni, splendida nel bronzo centrato a chiusura della prima giornata. L'Azzurra rimonta nell'ultima vasca e ferma il crono sul 2:55.70. Medaglia nella gara forse meno prediletta dalla nuotatrice pavese, ora attesa da altre 4 gare individuali.

Monica Boggioni, incredula dopo il bronzo nei 200 stile libero S5 ai Giochi Paralimpici di Tokyo 2020

Credit Foto Getty Images

FRANCESCO BOCCIARDO ORO - NUOTO, 100 STILE LIBERO CLASSE S5
Doppietta favolosa per il fenomeno tricolore. Dopo l'oro nella sua specialità arriva anche la medaglia del metallo più prezioso nella disciplina regina del nuoto, con una rimonta da vedere e rivedere. Che spettacolo Francesco, che spettacolo!
MONICA BOGGIONI BRONZO - NUOTO, 100 STILE LIBERO CLASSE S5
Anche Monica bissa il risultato ottenuto nei 200 stile libero, centrando un altro bronzo dopo una grande seconda metà di gara. Incredula e felice, Monica non vuole scendere dalla "nuvoletta di felicità" su cui sta ormai volando.
LUIGI BEGGIATO ARGENTO - NUOTO, 100 STILE LIBERO CLASSE S4
Forse la medaglia più inattesa del Day-2. Certamente, una delle più emozionanti, anche per la dedica a Vo' Euganeo, suo paese natale, e per le enormi difficoltà che gli avevano impedito di brillare ai Mondiali del 2019. Si consacra così una delle tante, giovani, promesse del nuoto tricolore.

La cerimonia di premiazione dei 100 stile libero S4 ai Giochi Paralimpici di Tokyo 2020. Beggiato è l'ultimo atleta in fondo.

Credit Foto Getty Images

STEFANO RAIMONDI ORO - NUOTO, 100 RANA CLASSE S9
Smaltita la delusione per un 4° posto nel Day-1, Stefano regala spettacolo nella finale dei 100 rana S9, trovando un crono (1:05.35) che si avvicina moltissimo al record del mondo (che resiste da ben 9 anni).

Stefano Raimondi si gode la medaglia d'oro dei 100 rana SB9 conquistata ai Giochi Paralimpici di Tokyo 2020

Credit Foto Getty Images

CARLOTTA GILLI ARGENTO - NUOTO, 100 DORSO CLASSE S13
Altro grande risultato per la più poliedrica tra le nuotatrici azzurre a Tokyo 2020. Un argento preziosissimo, alle spalle di una Gia Pergolini da record del mondo. Per Carlotta non era una delle distanze - e specialità - predilette, ma il suo talento è ormai lampante.
STAFFETTA ARGENTO - NUOTO, 4X50 STILE LIBERO MISTA
Nel Day-2 l'immagine di chiusura è tutta per il quartetto formato da Giulia Terzi (S7), Arjola Trimi (S3), Luigi Beggiato (S4) e Antonio Fantin (S6). Argento cercato, voluto e conquistato con tanto orgoglio. 11 medaglie dopo due giorni per l'Italia del nuoto a questi Giochi Paralimpici.

La staffetta dell'Italia 4x50 stile libero mista, massimo 20 punti. Medaglia d'argento ai Giochi Paralimpici di Tokyo 2020

Credit Foto Getty Images

SARA MORGANTI BRONZO - PARA DRESSAGE, INDIVIDUALE DI GRADO I
L'amazzone italiana ci regala uno splendido bronzo in un Day-3 che sembrava davvero giornata da zero medaglie. Il coronamento di una carriera meravigliosa, suggellata dall'unica medaglia mancante dopo i 2 titoli mondiali (2014-2018) e gli svariati europei.

Sara Morganti, durante il test individuale di Grado I del Para Dressage ai Giochi Paralimpici di Tokyo 2020

Credit Foto Getty Images

CARLOTTA GILLI ARGENTO - NUOTO, 400 STILE LIBERO CLASSE S13
Non smette di stupire Carlotta: tre gare e altrettante medaglie nei primi tre giorni di gare. Argento anche nei 400 stile S13, non una delle sue distanze predilette e gara cominciata a preparare da soli due anni. Stratosferica Carlotta, Stratosferica!

Carlotta Gilli sul podio dei 400 metri stile libero S11. Argento per l'Azzurra, la terza medaglia a questi Giochi Paralimpici di Tokyo 2020

Credit Foto Getty Images

VERONICA YOKO PLEBANI BRONZO - TRIATHLON, CATEGORIA PTS2
Seconda medaglia "extra-nuoto" a questi Giochi Paralimpici di Tokyo 2020. Plebani si conferma atleta incredibile - considerando che a Rio 2016 aveva cercato medaglia nella canoa e che a Sochi 2014 era stata impegnata nello snowboardcross - e si mette al collo un bellissimo bronzo dopo 750 metri di nuoto, 20 chilometri di ciclismo e 5 chilometri di corsa.
ANNA BARBARO ARGENTO - TRIATHLON, CATEGORIA PTVI
Non c'è gloria solo per Plebani, dal momento che Anna Barbaro, con Charlotte Bonin alla guida, conquista l'argento nella categoria PTVI. Stesse distanze della categoria precedente, ma in questo caso disabilità visiva assoluta (PVTI 1) o parziale (PTVI 2).
STEFANO RAIMONDI BRONZO - NUOTO, 100 STILE LIBERO CLASSE S10
Raimondi si ripete anche nei 100 stile libero S10, andando a conquistare un bronzo più che meritato. Altra grande prova, dopo l'oro nei 100 rana S9, per un nuotatore che si conferma atleta di punta della spedizione italiana a questi Giochi Paralimpici di Tokyo 2020.

Stefano Raimondi impegnato nella vasca dell'Acquatics Centre di Tokyo 2020

Credit Foto Getty Images

XENIA FRANCESCA PALAZZO ARGENTO - NUOTO, 200 MISTI CLASSE SM8
La sua medaglia è tutta nell'abbraccio a fine gara con la leggenda del nuoto paralimpico, Jessica Long. Palazzo l'ha presa a modello tanti anni fa, e oggi si ritrova sul podio con la statunitense. La sensazione è che possa essere un passaggio di testimone nella distanza dei 200 misti.
BEBE VIO ORO - SCHERMA PARALIMPICA, FIORETTO FEMMINILE INDIVIDUALE CATEGORIA B
Una delle medaglie più attese. Un dominio incontrastato, dal primo turno preliminare alla finale contro la rivale di sempre, la cinese Zhou. 2° oro paralimpico consecutivo e titolo di regina dell'arma nobile sempre più in cassaforte. Che spettacolo Bebe, che spettacolo!

Bebe Vio, oro paralimpico nel fioretto femminile categoria B ai Giochi di Tokyo 2020

Credit Foto Getty Images

GIOVANNI ACHENZA BRONZO - TRIATHLON, CATEGORIA PTWC
A distanza di cinque anni è sempre un grande Achenza. All'età di 50 anni, l'alfiere azzurro si mette al collo un bronzo pesantissimo nel Paratriathlon e conferma quanto fatto a Rio de Janeiro 2016. Si tratta della diciannovesima medaglia per l'Italia in questi Giochi Paralimpici
GIULIA TERZI ARGENTO - NUOTO, 400 STILE LIBERO CLASSE S7
Giulia apre il Day-5 con un argento tanto inatteso quanto stupendo, lei che sta gareggiando in questa distanza da pochissimo tempo. Dopo la grande frazione nella staffetta 4x50 stile libero mista, un altro 2° posto per la nuotatrice azzurra, la quale però non vuole smettere di stupire in questi Giochi.

Giulia Terzi durante la cerimonia di premiazione dei 400 stile libero S7 ai Giochi Paralimpici di Tokyo 2020

Credit Foto Getty Images

SIMONE BARLAAM ORO - NUOTO, 50 STILE LIBERO CLASSE S9
Barlaam inaugura i suoi Giochi Paralimpici con un oro strepitoso. Record paralimpico e avversari regolati con una prova di totale maturità: era l'unica affermazione che mancava in questa distanza nella sua spaziale carriera, dopo le numerose affermazioni europee e mondiali. Che fenomeno!

Simone Barlaam si gode l'oro conquistato ai Giochi Paralimpici di Tokyo 2020 nei 50 stile libero S9 maschili

Credit Foto Getty Images

ARJOLA TRIMI ORO - NUOTO, 50 DORSO CLASSE S3
Altro oro, altra impresa. Al netto di tanti problemi fisici, di una lussazione alla spalla che sembrava potesse estrometterla da Tokyo 2020, la "tigre" Trimi fa la storia, andando a prendersi una medaglia d'oro fantastica. Per l'Italia è la settima affermazione dopo 5 giorni: ben sei di queste provengono dal nuoto.

Arjola Trimi si gode la medaglia d'oro durante la premiazione dei 50 dorso classe S3 ai Giochi Paralimpici di Tokyo 2020

Credit Foto Getty Images

CARLOTTA GILLI BRONZO - NUOTO, 50 STILE LIBERO CLASSE S13
La "lady di ferro" azzurra non si ferma più. Quarta medaglia a Tokyo 2020 e un'impressionante capacità di cambiare stile risultando comunque fortissima. Il sogno è di andare in finale in ognuna delle gare in programma, ma la sensazione è che arriveranno tanti altri metalli preziosi.
GIULIA GHIRETTI ARGENTO - NUOTO, 100 RANA CLASSE SB4
La rimonta più bella di giornata. Un qualcosa di incredibile, spaziale! Giulia Ghiretti conquista l'argento nei 100 rana classe SB4, dopo una gara bellissima. Negli ultimi 15 metri passare dal 5° al 2° posto e mettere in fila il terzetto di atlete cinesi, favorite per il podio, se non per l'oro. Meravigliosa Giulia, meravigliosa.

Giulia Ghiretti abbraccia l'ungherese Fanni Illés. Le due atlete sono, rispettivamente, argento e oro nei 100 rana SB4 ai Giochi Paralimpici di Tokyo 2020

Credit Foto Getty Images

STAFFETTA ORO - NUOTO, 4x100 STILE LIBERO FEMMINILE
Dopo una nottata di valutazione dei ricorsi presentati da Stati Uniti e Gran Bretagna, è ufficiale! La 4x100 stile libero femminile è d'oro in una finale caratterizzata da squalifiche, ma anche da grandi prove individuali. Il quartetto azzurro, formato da Vittoria Bianco, Xenia Francesca Palazzo, Alessia Scortechini e Giulia Terzi, è da applausi.

La staffetta 4x100 stile libero femminile sul podio di Tokyo 2020. Oro per il quartetto azzurro: Bianco, Palazzo, Scortechini e Terzi

Credit Foto Getty Images

CAROLINA COSTA BRONZO - JUDO, CATEGORIA +70KG
Paralimpiade da esordiente e subito medaglia di bronzo per Costa, un'autentica promessa del Judo azzurro. Ippon nella finale per il bronzo contro l'ucraina Harnyk e 10-0 che non ammette diritto di replica. Grandissima Carolina, il futuro è tutto per lei.
IONELA ANDREEA MOGOS, LOREDANA TRIGILIA, BEBE VIO ARGENTO - SCHERMA PARALIMPICA, FIORETTO FEMMINILE A SQUADRE
Stupenda finale contro la Cina, che si impone 45-41. Nessun rammarico però per le nostre fiorettiste, capaci di scaldarci il cuore a suon di emozioni e di sbloccare la scherma azzurra a questi Giochi. Lo strapotere della Cina è confermato anche da questo oro, l'ennesimo nella disciplina.

Da sinistra: Bebe Vio, Ionela Andreea Mogos e Loredana Trigilia celebrano l'argento paralimpico nel fioretto a squadre a Tokyo 2020

Credit Foto Getty Images

MARIA ANDREA VIRGILIO BRONZO - TIRO CON L'ARCO, COMPOUND INDIVIDUALE
Il Day-6 si apre con la "sorpresa" Virgilio. L'arciera azzurra centra un bronzo di cuore e orgoglio, regolando 142-139 la russa Stepanida Artakhinova. Il tiro con l'arco azzurro si fregia anche del nuovo record paralimpico nella specialità, fatto registrare da Eleonora Sarti (146) nel suo ottavo di finale.

Andrea Virgilio si gode il bronzo conquistato nel tiro con l'arco, compound femminile, ai Giochi Paralimpici di Tokyo 2020

Credit Foto Getty Images

ANDREA LIVERANI BRONZO - TIRO A SEGNO, CARABINA 10 METRI SH2
Una medaglia che mancava davvero da tanti anni in questa disciplina sportiva. Ci pensa il tiratore milanese con un meraviglioso bronzo a interrompere questo digiuno. Alla prima Paralimpiade, Liverani va subito a medaglia: a soli 31 anni il futuro del tiro a segno azzurro è tutto suo.
ARJOLA TRIMI ORO - NUOTO, 100 STILE LIBERO S3
La "tigre" italiana torna a ruggire e lo fa nel modo più bello possibile. 2° oro personale a questi Giochi di Tokyo 2020. Un'altra finale dominata, un'altra stupenda risposta alle difficoltà fisiche patite anche in Giappone. Se c'è un volto da cui trarre ispirazione nella vita di tutti i giorni, beh quello è il viso di Arjola. Immensa.

Arjola Trimi, al centro, durante la cerimonia di premiazione dei 100 stile libero S3 femminili ai Giochi Paralimpici di Tokyo 2020

Credit Foto Getty Images

CARLOTTA GILLI ORO - NUOTO, 200 MISTI CLASSE SM13
Abbiamo finito gli aggettivi per lei. Oro e record del mondo (2:21.44), quinta medaglia personale in questa Paralimpiade. Ci viene da scrivere solo un'altra cosa, dopo tutti gli elogi che abbiamo speso: peccato solo che abbia finito le gare, altrimenti chissà quanto ancora ci saremmo emozionati.

Carlotta Gilli, oro e record del mondo nei 200 misti SM13 femminili a Tokyo 2020

Credit Foto Getty Images

STAFFETTA ARGENTO, NUOTO 4x100 STILE LIBERO AI 34 PUNTI MASCHILE
Dopo l'oro della femminile, l'argento per la maschile. Le staffette 4x100 stile regalano sempre e solo soddisfazioni ai colori azzurri. Fantin, Ciulli, Barlaam e Raimondi, in rigoroso ordine di frazione, si confermano ai massimi livelli mondiali, battuti soltanto da un'Australia che deve volare al record del mondo per avere ragione del quartetto italiano.
ONEY TAPIA BRONZO - ATLETICA, GETTO DEL PESO CATEGORIA F11
Grande soddisfazione anche per l'atletica azzurra, con Tapia che si toglie lo sfizio di prendere un bronzo tanto inatteso quanto bellissimo nel getto del peso categoria F11 (atleti non vedenti). 13.60 all'ultimo tentativo, che equivale al record personale per l'atleta italiano. Oro all'iraniano Olad (14.43), argento invece per da Silva (Brasile) con la misura di 13.89.

Oney Tapia festeggia il bronzo conquistato nel getto del peso F11 ai Giochi Paralimpici di Tokyo 2020

Credit Foto Getty Images

SARA MORGANTI BRONZO - PARA DRESSAGE, CONCORSO FREESTYLE DI GRADO I
Doppietta di bronzo per la leggendaria amazzone azzurra. Dopo il 3° posto nell'individuale di Grado I, Morganti si ripete anche nel freestyle (sempre di Grado I) e suggella ancor più una carriera meravigliosa, da autentica leggenda dello sport paralimpico, non solo italiano.

Sara Morganti, su Royal Delight, durante la prova di freestyle Grado I del Para Dressage ai Giochi Paralimpici di Tokyo 2020

Credit Foto Getty Images

ASSUNTA LEGNANTE ARGENTO - ATLETICA, LANCIO DEL DISCO F11
Immensa Assunta, immensa! Nonostante un anno travagliato e un infortunio al tendine d'Achille, Legnante vola oltre i 40 metri, strappando il nuovo record europeo (40.25) e un argento meraviglioso. Tornata a provare la rotazione nell'ultimo tentativo, l'azzurra lancia nuovamente la sfida alle cinesi: il primato mondiale potrebbe durare davvero poco.
LUCA MAZZONE ARGENTO - PARACICLISMO, PROVA A CRONOMETRO H2
Il campione paralimpico di Rio de Janeiro 2016 si conferma anche a Tokyo 2020 e per soli 26 centesimi non bissa l'affermazione. Si tratta comunque di uno splendido argento per il ciclista pugliese, sempre più punto fermo della squadra azzurra.

Luca Mazzone si gode l'argento conquistato nella prova a cronometro H2 ai Giochi Paralimpici di Tokyo 2020

Credit Foto Getty Images

FABRIZIO CORNEGLIANI ARGENTO - PARACICLISMO, PROVA A CRONOMETRO H1
A pochi minuti di distanza dall'argento di Mazzone, arriva anche il 2° posto per Cornegliani. Un argento strappato coi denti e con tanto orgoglio, nonostante una brutta caduta a metà prova. Una medaglia dedicata al padre, colui che l'ha instradato in questa disciplina e che non smetteremo di ringraziare!

Fabrizio Cornegliani, il primo da sinistra, sul podio della prova a cronometro H1 di Paraciclismo ai Giochi di Tokyo 2020, dove ha conquistato l'argento.

Credit Foto Getty Images

FRANCESCA PORCELLATO ARGENTO - PARACICLISMO, PROVA A CRONOMETRO H1-3
Impareggiabile. All'undicesima partecipazione paralimpica - comprese quelle invernali - Porcellato centra la 14ª medaglia della sua sfavillante carriera. Iconica come pochi altri atleti paralimpici, è proprio lei ad avvicinare ulteriormente il medagliere di Rio 2016: adesso ne basta una per pareggiare quota 39, ma il sogno è quello di migliorare sensibilmente tale primato.

Francesca Porcellato, la prima da sinistra, durante il podio della prova a cronometro femminile H1-3 ai Giochi Paralimpici di Tokyo 2020

Credit Foto Getty Images

GIORGIO FARRONI ARGENTO - PARACICLISMO, PROVA A CRONOMETRO T-1
Ed eccolo qui, l'argento che ci permette di eguagliare il record di medaglie conquistate in una singola edizione dei Giochi nell'ultimo quarto di secolo. Farroni è sontuoso nella cronometro T-1 e torna su un podio paralimpico a nove anni di distanza da Londra 2012, quando fu argento nella prova in linea. Al termine della gara anche la dedica per il compianto Michele Scarponi, suo amico per tanti anni.
ALBERTO AMODEO ARGENTO - NUOTO, 400 STILE LIBERO CLASSE S8
La medaglia che infrange il precedente primato di Rio de Janeiro 2016. E basterebbe qui, se non fosse che Alberto compie un'autentica impresa con un tempo stratosferico in finale (4:25.93), diventando così provvisoriamente il 18° nuotatore azzurro a trovare una medaglia in questi Giochi. La miglior spedizione degli ultimi 25 anni, senza se e senza ma.

Alberto Amodeo con la medaglia d'argento conquistata nei 400 stile libero S8 maschili ai Giochi Paralimpici di Tokyo 2020

Credit Foto Getty Images

XENIA FRANCESCA PALAZZO BRONZO - NUOTO, 400 STILE LIBERO CLASSE S8
Ormai un'autentica certezza dell'onda azzurra. Xenia diventa prepotentemente uno dei volti di questi Giochi di Tokyo 2020, insieme a tanti compagni della vasca. A soli 23 anni ha tutte le carte in regola per guardare a Parigi 2024 con stimoli ulteriori per migliorare il proprio bottino personale. Intanto a Tokyo fa tre, tutte diverse grazie a questo bronzo. E non ha finito le sue gare...

Xenia Francesca Palazzo si gode il bronzo appena conquistato nei 400 stile S8 femminili alla Paralimpiade di Tokyo 2020

Credit Foto Getty Images

GIULIA TERZI ORO - NUOTO, 100 STILE LIBERO CLASSE S7
Due ori, altrettanti argenti. Con Stefano Raimondi compone la coppia d'oro del nuoto italiano. Una coppia bellissima, non solo in termini estetici. L'abbraccio e la complicità nel festeggiare le rispettive medaglie ottenute nel Day-7 ci regalano forse le istantanee del nuoto azzurro a Tokyo. Un gruppo coeso, unito e meraviglioso. Giulia è nel pieno della carriera, le auguriamo di non fermarsi mai nel farci emozionare così.

Giulia Terzi bacia la medaglia d'oro conquistata nei 100 stile libero S7 ai Giochi Paralimpici di Tokyo 2020

Credit Foto Getty Images

STEFANO RAIMONDI ARGENTO - NUOTO, 100 FARFALLA CLASSE S10
A 23 anni conquistare 4 medaglie ai Giochi Paralimpici non è da tutti. Figurarsi farlo praticamente in tutte le specialità (manca solo il dorso) e con uno strapotere impressionante. L'obiettivo è ora fare parte delle Fiamme Oro a 360° e confermarsi nuotatore di punta del movimento azzurro. Anche perché Parigi sarà fra soli tre anni...

Stefano Raimondi, primo da sinistra, sul podio dei 100 farfalla S10 ai Giochi Paralimpici di Tokyo 2020. Stupendo argento per l'azzurro.

Credit Foto Getty Images

LUCA MAZZONE ARGENTO - PARACICLISMO, PROVA IN LINEA H1-2
Medaglia numero 44. Dopo lo show a cronometro, Mazzone si conferma anche nella prova in linea, arrivando così a 7 medaglie a Cinque Cerchi in carriera, di cui cinque nel paraciclismo. Altra impresa per il cinquantenne di Terlizzi, alfiere di punta del nostro movimento.
MICHELA BRUNELLI E GIADA ROSSI BRONZO - TENNIS TAVOLO, TORNEO A SQUADRE C1-3
Prima e unica medaglia azzurra nel tennis tavolo a Tokyo 2020. Un bronzo però bellissimo! Dopo un pizzico di delusione nelle prove individuali, Michela Brunelli e Giada Rossi centrano il bronzo nel torneo a squadre femminile C1-3. Le azzurre, numero 4 del ranking paralimpico, devono arrendersi in semifinale solo alla favoritissima Cina, ma si mettono comunque al collo una medaglia pesante battendo peraltro le cinesi nel doppio.

Michela Brunelli e Giada Rossi festeggiano il bronzo conquistato nel doppio femminile C1-3 di tennis tavolo ai Giochi Paralimpici di Tokyo 2020

Credit Foto Getty Images

KATIA AERE BRONZO - PARACICLISMO, PROVA IN LINEA H5
Al debutto paralimpico, bronzo incredibile per Aere, peraltro dopo una gara folle (oltre 2 ore e mezzo e circa 70 km). Come cantava il suo idolo Ligabue: "niente paura!". Nonostante avversarie fortissime e ben più esperte a questi livelli, Katia strappa un podio dando anche spettacolo.
ANTONIO FANTIN ORO - NUOTO, 100 STILE LIBERO CLASSE S6
Una delle medaglie più attese, dal momento che Antonio era detentore del record del mondo e di quello paralimpico. I cinesi però si erano nascosti per tutto l'anno e non sapevamo a che punto fossero arrivati. Poco male, perché Fantin li regola tutti con uno stratosferico 1:03.71 e si mette al collo il 12° oro di questa spedizione. Che gara!

Antonio Fantin morde la medaglia d'oro conquistata nei 100 stile libero S6 ai Giochi Paralimpici di Tokyo 2020

Credit Foto Getty Images

XENIA FRANCESCA PALAZZO BRONZO - NUOTO, 50 STILE LIBERO CLASSE S8
Quarta medaglia personale, altro bronzo. Xenia è però molto di più di questi metalli. Una nuotatrice meravigliosa, capace di dare spettacolo in vasca come poche altre e di rimontare qualsiasi distacco con rimonte spettacolari. Anche per lei, come per Gilli, una Paralimpiade da protagonista assoluta, con l'ennesima medaglia (peraltro in una distanza non "sua").

Xenia Francesca Palazzo durante la cerimonia dei 50 stile libero S8 femminili. Per lei un'altra medaglia ai Giochi Paralimpici di Tokyo 2020

Credit Foto Getty Images

ONEY TAPIA BRONZO - ATLETICA, LANCIO DEL DISCO F11
Seconda medaglia per Tapia in questi Giochi. Dopo il bronzo nel getto del peso categoria F11, arriva anche quello nel lancio del disco (stessa categoria, per atleti ipovedenti). Nonostante le avverse condizioni meteo - pioggia battente e pedana bagnata - l'azzurro riesce a volare verso i 39.52 metri, che gli regalano l'ennesimo metallo prezioso nella sua disciplina prediletta.

Oney Tapia festeggia il bronzo conquistato nel getto del peso F11 ai Giochi Paralimpici di Tokyo 2020

Credit Foto Getty Images

DIEGO COLOMBARI, PAOLO CECCHETTO E LUCA MAZZONE ORO - PARACICLISMO, PROVA IN LINEA MISTA H1-5
Un oro dedicato ad Alex Zanardi. Un dominio per Alex Zanardi. Il terzetto azzurro dell'handbike dà spettacolo nella prova in linea H1-5 mista e si conferma nuovamente campione paralimpico, dopo l'oro di Rio de Janeiro 2016 (squadra in cui Zanardi era capitano). Il movimento italiano si conferma in piena salute, col CT Valentini che saluta con l'ennesimo capolavoro della sua carriera.
ANTONIO FANTIN ARGENTO - NUOTO, 400 STILE LIBERO CLASSE S6
Lui non è contento, perché era la distanza cui teneva di più. Noi, invece, siamo felicissimi di rivederlo sul podio, a confermarsi nel massimo livello mondiale. Ha dichiarato che da adesso intende dedicarsi seriamente ai 400 stile. Non osiamo immaginare quali potranno essere i risultati, contando che già adesso è argento paralimpico...

Antonio Fantin, sul podio dei 400 stile libero S6 ai Giochi Paralimpici di Tokyo 2020: per lui uno splendido argento.

Credit Foto Getty Images

SIMONE BARLAAM ARGENTO - NUOTO, 100 FARFALLA CLASSE S9
Chiudere con l'argento, risultare l'unico sotto il minuto - oltre allo spaziale Martin, oro e record del mondo - eppure non essere felici. Questa è la mentalità di un Barlaam destinato a riscrivere pagine importanti nella storia del nuoto paralimpico, non solo italiano. A 21 anni il nuotatore milanese ha già più ori che primavere sulla carta d'identità. Il futuro è tutto dalla sua.

Simone Barlaam durante la cerimonia dei 100 farfalla classe S9 maschili ai Giochi Paralimpici di Tokyo 2020

Credit Foto Getty Images

STEFANO RAIMONDI ARGENTO - NUOTO, 100 DORSO CLASSE S10
Il testa a testa con l'ucraino Maksym Krypak è bellissimo. Stefano deve inchinarsi solo dopo 70 metri spaziali, ma è comunque un grande argento. Adesso sono cinque le sue medaglie in questa Paralimpiade: 1 oro, 3 argenti e 1 bronzo. Pensare che sarebbe la prima volta in carriera che gareggia per dieci giorni consecutivi...
FRANCESCO BETTELLA BRONZO - NUOTO, 50 DORSO CLASSE S1
francesco Bettella non smette di stupire! Dopo aver centrato la prima medaglia azzurra a questi Giochi, il nuotatore è nuovamente di bronzo, stavolta nei 50 dorso S1. Col crono di 1:14.87, Bettella è così 3° al traguardo. Speriamo che decida di continuare anche verso Parigi 2024. Intanto è la medaglia numero 54 per l'Italia: -4 da Seul 1988, 2° miglior medagliere di sempre per i nostri colori.

Francesco Bettella, ultimo a destra, durante la cerimonia dei 50 dorso S1 maschili ai Giochi Paralimpici di Tokyo 2020

Credit Foto Getty Images

VINCENZA PETRILLI ARGENTO - TIRO CON L'ARCO, OPEN RICURVO FEMMINILE
Una finale bellissima; un argento meraviglioso. Sotto 1-5 contro la fenomenale iraniana Nemati - al 3° oro paralimpiico consecutivo - Petrilli è stoica. Rimonta fino al 5-5 e poi si arrende solo all'immensa classe dell'avvversaria (9-10 allo shoot-off). Tira da meno di quattro anni ed era alla prima vera gara internazionale. Centrare un argento così è un qualcosa di magico.

Vincenza Petrilli, la prima da sinistra, durante la cerimonia del tiro con l'arco ricurvo, open femminile, in cui ha vinto l'argento ai Giochi Paralimpici di Tokyo 2020

Credit Foto Getty Images

MARTINA CAIRONI ARGENTO - ATLETICA, SALTO IN LUNGO T63
Duello annunciato con Vanessa Low, ma finale a livelli stratosferici. Martina si ferma a 5.14, l'australiana fa il record del mondo con 5.28. Lo stesso podio di Rio de Janeiro 2016, ma Caironi ha già rilanciato la sfida in vista di Parigi 2024. Si tratta della 58ª medaglia azzurra: eguagliato il numero ottenuto a Seul 1988. Attualmente è la seconda miglior spedizione tricolore di sempre.

Martina Caironi con l'argento conquistato nel salto in lungo T63 femminile ai Giochi Paralimpici di Tokyo 2020

Credit Foto Getty Images

NDIAGA DIENG BRONZO - ATLETICA, 1500 METRI T20
Altra medaglia dall'atletica ed è un bronzo pesantissimo perché riscrive la storia dei risultati azzurri alle Paralimpiadi. Dieng aggiunge infatti la medaglia numero 59 a un medagliere già impressionante, permettendo all'Italia di staccare il record di Seul 1988 (58) e riscrivere la nuova seconda miglior raccolta di metalli preziosi nella storia.

Ndiaga Dieng dopo la finale dei 1500 metri T20 ai Giochi Paralimpici di Tokyo 2020. L'azzurro centra uno splendido bronzo.

Credit Foto Getty Images

ASSUNTA LEGNANTE ARGENTO - ATLETICA, GETTO DEL PESO F12
Dopo 9 anni anni, Legnante abdica dal trono del peso (lei categoria F11, ricordiamolo) ma si conferma comunque ai massimi livelli mondiali con una doppietta d'argento che vale tantissimo. In qualsiasi appuntamento internazionale, Assunta non tradisce mai. La via verso Parigi 2024 è segnata: riprendersi lo scettro nel peso e andare a strappare alle cinesi quello nel disco.
FEDERICO MANCARELLA BRONZO - CANOA SPRINT, KL2 200
Storico Mancarella! Per la prima volta l'Italia va sul podio della canoa paralimpica e lo fa con Federico, il quale si regala una splendida medaglia con un giorno d'anticipo per i suoi 29 anni. Un bronzo che ripaga i sacrifici e le scelte fatte: lasciare un lavoro a tempo indeterminato e dedicarsi all'agonismo per puntare dritti a Tokyo 2020. Una scelta che, ai più, potrebbe sembrare folle. A noi, sembra solamente romantica. Grande Federico!

Federico Mancarella, l'ultimo a destra, splendido bronzo sul podio della canoa KL2 200 metri ai Giochi Paralimpici di Tokyo 2020

Credit Foto Getty Images

STEFANO RAIMONDI ARGENTO - NUOTO, 200 MISTI CLASSE S10
Sesta medaglia personale per l'azzurro. Sì, avete letto bene: sei! Impressionante la sua qualità in qualsiasi stile - la rana rimane un qualcosa di spaziale - e una poliedricità che non sembra conoscere confini. L'argento nei 200 misti S10 rinnova ulteriormente il duello con l'ucraino Maksym Krypak, ma l'impressione è che il futuro sia tutto nelle mani di Stefano.
GIULIA TERZI BRONZO - NUOTO, 50 FARFALLA CLASSE S7
Potremmo definirla la coppia d'oro del nuoto italiano: Stefano ci mette 6 medaglie, Giulia ne aggiunge altre 5. La Terzi completa il suo palmarés con l'unico metallo che ancora le mancava, il bronzo, chiudendo al 3° posto la finale dei 50 farfalla S7 femminili. Una continuità di risultati impressionante!
AMBRA SABATINI ORO, MARTINA CAIRONI ARGENTO, MONICA CONTRAFATTO BRONZO - ATLETICA, 100 METRI PIANI T63
Un podio tutto azzurro, incredibile. Le velociste italiane dominano i 100 metri T63 e ci regalano una meravigliosa tripletta. Un podio tutto tricolore non è una novità, ma questo ha un sapore completamente diverso. La schema olimpica ce ne aveva già regalati diversi, eppure stavolta la sensazione di "aver fatto la storia" è totalizzante. Dietro a queste tre medaglie ci sono altrettante storie. Un giorno, non lontano, qualcuno dovrà raccontarle debitamente.

Il podio dei 100 m femminili: oro a Sabatini

Credit Foto Getty Images

Italia da urlo! Tutte le medaglie in 170 secondi

Tokyo 2020
Paralimpiadi 2021, i 113 azzurri in gara sport per sport
23/08/2021 A 12:38
Paralimpiadi
Paralimpiadi Tokyo 2020: dove vederle, calendario, gare e diretta tv
17/08/2021 A 09:18