Da tempo malato di Alzaheimer e di cancro alla prostat, Patterson divenne il primo pugile a conquistare per due volte la corona mondiale dei massimi. Il campione afro-americano ha regalato soprattutto alla storia del pugilato tre epici combattimenti contro lo svedese Ingemar Johansson, rimasti un classico nella storia della boxe.
Nato in una poverissima famiglia della Carolina del Nord, finito in riformatorio a dieci anni per una lunga serie di crimini giovanili, Patterson fu salvato dalla boxe. "Senza il pugilato sarei finito in carcere o sarei morto", aveva detto più volte durante la sua carriera. Entrato a 14 anni nella scuderia del trainer Cus D'Amato (lo stesso che avrebbe poi allenato Mike Tyson) Patterson vinse la medaglia d'oro alle Olimpiadi di Helsinki, a 17 anni, nella categoria dei pesi medi. Nel 1956, a 21 anni, divenne il più giovane campione dei massimi della storia battendo Archie Moore per la corona lasciata vacante dal grande Rocky Marciano.
Nel 1959 Patterson fu protagonista del primo dei tre leggendari incontri contro Johansson: lo svedese vinse per arresto del combattimento al terzo round dopo avere mandato per ben sette volte KO il suo avversario. Lo svedese divenne un eroe nazionale. Ma l'anno dopo Patterson si riprese la corona mondiale dei massimi (il primo pugile a compiere una impresa del genere nella storia della boxe) mandando al tappeto il rivale alla quinta ripresa con un formidabile gancio sinistro considerato ancora oggi dagli esperti "il miglior colpo nella storia del pugilato"
Tokyo 2020
Testa implacabile: suo il preolimpico di Parigi
08/06/2021 A 17:44
L'anno successivo i due pugili si affrontarono per la terza volta e il match fu all'altezza dei precedenti. Nella prima ripresa Patterson finì al tappeto per due volte e Johannson una volta. L'incerto incontro si concluse alla sesta ripresa con un KO a favore di Patterson. Nel 1963 il campione venne però sconfitto da Sonny Liston, con un umiliante KO alla prima ripresa, perdendo il titolo. L'anno dopo Patterson ebbe la possibilità di tornare ad affrontare Liston sul ring, titolo in palio, e diventare così il primo pugile a conquistare per ben tre volte la corona mondiale dei massimi. Ma Patterson venne sconfitto, di nuovo alla prima ripresa, dal rivale piombando in una acuta fase depressiva che lo spinse ad uscire di casa, per diversi mesi, solo indossando dei travestimenti.
La carriera romanzesca di Patterson conobbe una nuova svolta nel 1965 quando ebbe di nuovo la possibilità di riconquistare il titolo mondiale affrontando il grande Muhammad Ali, che aveva strappato il titolo a Liston. Ancora una volta Patterson venne battuto (per KO alla dodicesima ripresa). Dopo che Muhammad Ali venne privato del titolo (per essersi rifiutato di indossare la divisa militare) Patterson ebbe una nuova possibilità di diventare campione ma venne sconfitto da Jimmy Ellis in Svezia. Patterson si ritirò dalla attività agonistica nel 1972. Nel corso della sua carriera Patterson aveva accumulato 55 vittorie (40 per KO), 8 sconfitte ed un pareggio.
Pugilato
Mayweather-Logan Paul, sfida combattuta e nessun vincitore
07/06/2021 A 05:47
Tokyo 2020
Irma Testa vola alle Olimpiadi: demolita la croata Cacic
06/06/2021 A 12:52