Si conclude, nel peggiore dei modi, la vicenda che ha riguardato il pugile 35enne Alessio Zangrilli, scomparso lo scorso 10 ottobre. Il suo corpo è, infatti, stato trovato senza vita nel Tevere, all'altezza di Ponte Milvio. Dai primi accertamenti, sembrerebbe che fosse in acqua da almeno una settimana e che non abbia subito violenze; il pugile stava attraversando un momento interiore molto difficile a causa della situazione Covid e del fatto che non riuscisse a trovare lavoro. Sulla scomparsa del pugile si erano mobilitati in primo ordine anche la mamma (in onda su "Chi l'ha visto?") e il pugile Clemente Russo che ha lanciato numerosi appelli televisivi.
L'ultimo saluto viene dalla palestra San Lorenzo che frequentava e dove godeva di un buon seguito di tifosi e amici che lo avevano visto sul ring per un totale di circa 50 incontri. Poco prima che il corpo venisse ritrovato, queste sono le parole di Mariano, storico allenatore del pugile:
Pugilato
Vincenzo Mangiacapre si ritira: "È arrivata la mia ora"
29/10/2021 A 20:17
Ultimamente era molto taciturno, di solito aveva una grossa parlantina, con il senno di poi possiamo pensare tante cose ma lì per lì abbiamo pensato fosse solo un momento come capita nella vita di ognuno di noi, un momento che non girava bene, non trovava lavoro, era un po’ più preoccupato. Alessio ha una passione per il pugilato sconfinata, un ragazzo da ammirare. Aveva disputato finora una cinquantina di match che non sono pochi. Con alti e bassi, sconfitte e vittorie e aveva un notevole tifo, lo seguivano in tanti anche se non era di San Lorenzo e qui lo conoscevano tutti.
Tweet del Fight Clubbing

Clemente Russo in esclusiva tra Tokyo, Tyson e Gattuso

Pugilato
Video dei momenti salienti del campionato mondiale di boxe maschile AIBA 2021
22/11/2021 A 18:47
Pugilato
Sponsored - Boxing : AIBA -63.5 kg
22/11/2021 A 15:11