Una vittoria meno netta di quella che i 44 chili e gli 11 anni di età di differenza d'età avrebbero fatto pensare. Perché tanto vantava in termini di superiorità e di credibilità il campione in mondo WBA Nikolai Valuev sul suo avversario, il redivivo Evander Holyfield.

L'ex campione del mondo, indimenticato protagonista di sfide epiche contro Foreman, Holmes e soprattutto con Mike Tyson e Lennox Lewis, aveva deciso di tornare sul ring convinto da una borsa importante e dal sogno di poter diventare il più anziano campione del mondo di sempre con i suoi 46 anni suonati.

Pugilato
Tyson vs Cantatore al Colosseo a giugno: fra 7 giorni l'annuncio?
10 ORE FA

Non aveva lasciato niente al caso Holyfield, in ottime condizioni fisiche e pronto a mettere in campo più che la potenza, la sua esperienza, e la propria capacità di mettere il russo in difficoltà con la sua dinamica di ring.

In effetti si è assistito a un match di gran lungo più equilibrato rispetto a quello che era lecito attendersi: Holyfield, conscio di doversi giocare i suoi colpi migliori all'inizio di gran lunga più lucido e aggressivo nelle prime sei riprese. Valuev capace di reagire e rimontare chiudendo in scioltezza ma senza la sicurezza di chi è stato messo pesantemente in difficoltà.

Insomma, un match così l'Holyfield di qualche anno fa l'avrebbe stravinto, e quando il pubblico dell'Hallenstadion di Zurigo si è schierato compatto dalla parte dell'americano forse il vecchio campione ha sperato di poter vincere anche questo. Il conto dei punti ufficioso, quello degli appassionati e quello dei cronisti, parlava di un arrivo risicatissimo per il russo, quasi alla pari. Ma due dei tre giudici l'hanno pensata diversamente: pari, secondo Guillermo Perez Pineda (114-114) mentre Mikael Hook con un punto di vantaggio e Pierluigi Poppi con altri quattro punti hanno assegnato una vittoria non unanime ma sostanzialmente condivisibile a Valuev.

Per Holyfield, pagato 10-1 all'immediata vigilia del match la soddisfazione di aver tenuto testa al rivale e la dimostrazione che il suo sogno non era poi così folle: "Penso di aver fatto tutto quello che era necessario per vincere – ha dichiarato Holyfield al termine della sfida – e non sono così convinto che il metro di giudizio dei giudici sia stato così equilibrato. Penso di aver meritato più di quello che dicono i cartellini. Il mio obiettivo non cambia: voglio diventare campione del mondo e il fatto di non aver ancora del tutto superato gli acciacchi del mio combattimento precedente contro Ibragimov non mi hanno aiutato. So di potercela ancora fare".

E dunque la parola passa agli organizzatori: un Holyfield così fa gola, e i soldi si troveranno come forse un avversario in grado di rilanciare il sogno del veterano di scrivere ancora la storia di questo sport con un colpo di scena.

Pugilato
Tyson vs Holyfield, 3° atto? Match da 200 milioni di dollari
12/01/2021 A 12:42
Pugilato
Tyson "Continuerò a combattere, ho molte richieste"
02/01/2021 A 11:14