Quella che doveva essere una giornata di festa e di sport si trasforma in una giornata tragica. Il Rally città di Torino, infatti, viene funestato da un incidente mortale, in cui ha perso la vita un bimbo di soli sei anni.
La disgrazia è stata provocata da un'auto che ha perso il controllo ed è uscita dal tracciato; dopo aver preso un cordolo in cemento, il pilota è andato fuori strada e non è stato più in grado di controllare il veicolo. La vettura è piombata così su un'intera famiglia: madre, padre e i due figli. I genitori sono rimasti feriti, mentre il figlio più grande, di sei anni, purtroppo non c'è più. Miracolosamente illeso, invece, il bimbo più piccolo, di soli tre anni. La famiglia si trovava all'interno del parco di Coassolo Torinese per guardare il passaggio delle auto, in una zona protetta al di là della linea di sicurezza.
La corsa è stata immediatamente sospesa, i feriti soccorsi ed è stato subito chiaro ai Carabinieri di Venaria Reale, al 118 e all'elisoccorso che per lo sfortunato bimbo non ci fosse più nulla da fare. Secondo le prime ricostruzioni anche sulla base della testimonianza del navigatore, il guidatore della "Skoda Biella" sarebbe stato colto da malore.