107 presenze con la Nazionale italiana: basterebbe questo dato per far capire quanto Leonardo Ghiraldini abbia dato alla maglia azzurra. Il tallonatore patavino annuncia l’addio al rugby internazionale con una lunga lettera nella quale tocca i momenti più importanti della carriera con l’Italia.
A 36 anni Ghiraldini lascia la maglia della Nazionale, della quale è stato capitano in 17 occasioni: “Ho sempre dato tutto me stesso per l’azzurro, dentro e fuori dal campo, consapevole che non fosse un diritto acquisito giocare per l’Italia, ma facendo il possibile per conquistarmi quel diritto. Ogni convocazione con la Nazionale l’ho considerata un’occasione unica e speciale, da vivere con tutta l’energia, la passione ed il rispetto possibile, perché questi momenti non sono mai scontati“.
https://i.eurosport.com/2019/03/05/2537149.jpg
Sei Nazioni
SiXter Rugby, Day 5: Di Giandomenico: "Lavoriamo insieme per migliorare"
30/04/2021 A 06:25
Prosegue il tallonatore: “Ho rappresentato il mio Paese a ogni livello, dall’U16 a quattro edizioni della Coppa del Mondo. Ho avuto il privilegio di capitanare l’Italia in molte occasioni, di giocare in tutti i più importanti tornei dell’Emisfero Nord. Dopo l’infortunio del 2019 contro la Francia ho lavorato al massimo delle mie possibilità per tornare all’alto livello e meritare ancora una volta la chiamata con la Nazionale: ringrazio Franco Smith per avermi offerto l’opportunità, lo scorso autunno, di vestire l’azzurro ancora una volta e per la fiducia che mi avrebbe dato ancora nel Sei Nazioni che sta per prendere il via. Ora, credo sia il momento giusto per dare il mio addio al rugby internazionale, di ringraziare l’Italia, i miei compagni, gli allenatori che mi hanno permesso di giocare per tutto un movimento, i nostri incredibili tifosi per l’affetto che mi hanno dimostrato in questi anni e la mia famiglia per il fondamentale sostegno che mi ha garantito in questa lunga avventura. Lascio una piccola porta aperta al rugby giocato, ma è tempo per me di guardare oltre, al mio futuro professionale ed a quello della mia famiglia“.
Conclude Ghiraldini: “Ho condiviso la maglia del mio Paese con tantissimi giocatori di grande talento e con persone dall’importante spessore umano, con i quali abbiamo ottenuto vittorie che resteranno per sempre nei mio cuore, da quella del Flaminio contro il Galles nel 2007 alla doppietta con Francia e Irlanda nel Sei Nazioni 2013. Dico addio alla Nazionale con una certa commozione, quella maglia negli ultimi vent’anni ha rappresentato moltissimo per me. C’è un cambio generazionale che è già avvenuto da qualche tempo ormai e e sono tanti giovani interessanti che stanno prendendo il loro posto. Franco Smith ed il suo staff stanno dando loro un’identità precisa e gli strumenti per competere ad alto livello. Porterò sempre la maglia azzurra dentro di me ma è il momento che altri la indossino sul campo. E’ stato un viaggio meraviglioso e le emozioni vissute insieme a tutti voi le porterò con me per tutta la vita“.
Sei Nazioni
L’Italia sbaglia troppo, l’Irlanda conquista il podio
24/04/2021 A 13:32
Sei Nazioni
L'Italdonne chiude quarta: 5-25 in Irlanda, gli highlights
24/04/2021 A 13:07